sabato 6 Marzo 2021 Eseguita misura cautelare di custodia in carcere per un soggetto sannita accusato di violenza aggravata nei confronti di una minorenne | infosannionews.it sabato 6 Marzo 2021
Smooth Slider
Asl Benevento, 59 i positivi di oggi

Asl Benevento, 59 i positivi di oggi

Dal bollettino giornaliero dell'Asl di Benevento si evince che oggi ...

Nasce la Federazione popolare dei democratici cristiani, Rinasce il centro.

L’on. Giuseppe Gargani Presidente Nazionale della Federazione Popolare dei Democratici ...

Centro Democratico (Bn) : Puzio la ncia un progetto innovativo per lo sviluppo economico

Centro Democratico (Bn) : Puzio la ncia un progetto innovativo per lo sviluppo economico

“Antonio Puzio, segretario provinciale di Benevento di Centro Democratico, annuncia ...

I Democratici del Sannio per Zingaretti

I Democratici del Sannio per Zingaretti

Le dimissioni di Nicola Zingaretti hanno colto di sorpresa tutti ...

Eseguita misura cautelare di custodia in carcere per un soggetto sannita accusato di violenza aggravata nei confronti di una minorenne

15/01/2021
By

Nel pomeriggio odierno, all’esito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, il personale della Squadra Mobile, ha dato esecuzione all’ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di un soggetto della Provincia di Benevento di anni 60, raggiunto da gravi indizi di colpevolezza in ordine al delitto di violenza sessuale pluriaggravata in danno della nipote, minore degli anni 16.

Le indagini consentivano di accertare che, a partire dal mese di giugno 2016 al novembre 2018, l’indagato aveva posto in essere nei confronti della nipote una serie di gravi violenze sessuali.

Il compendio probatorio a sostegno dell’ipotesi investigativa deriva dalle dichiarazioni della madre della minore nonché da altre persone informate sui fatti, il tutto riscontrato dall’esito dell’incidente probatorio espletato nel febbraio 2020.

In seguito alle violenze subite si manifestava nella vittima la sindrome da stress post traumatico, che l’aveva portata ad avere incubi notturni e crisi respiratorie, arrivando ad autoinfliggersi lesioni corporali procurandosi una serie di ferite, disturbo accertato in sede di indagini preliminari da un consulente tecnico nominato dal Pubblico Ministero.

Tags: ,