venerdì 28 Gennaio 2022 Sandra Lonardo capofila dei “Responsabili” in soccorso del Governo Conte? | infosannionews.it venerdì 28 Gennaio 2022
Smooth Slider

Agostinelli a De Longis: Una pessima caduta di stile oppure palese ignoranza.

“Una pessima caduta di stile, quella del consigliere De Longis, ...

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Sabato 29 gennaio dalle ore 10:30 in piazza Castello a ...

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell’ex Scuola Media

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell'ex Scuola Media

“Il Comune di Puglianello, attraverso un finanziamento proveniente dallo Stato ...

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

Il comune di San Leucio del Sannio è risultato beneficiario ...

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Al San Pio di Benevento nelle ultime 24 ore ci ...

Firmato protocollo tra Unisannio e Dipartimento F.P. per ri-formare la P.A.

Al via percorsi di laurea specifici per i dipendenti pubblici ...

Stampa articolo Stampa articolo

Sandra Lonardo capofila dei “Responsabili” in soccorso del Governo Conte?

15/01/2021
By

Sarebbero dodici i senatori “responsabili” che potrebbero dare il loro appoggio al governo Conte dopo la fuoriuscita dei due ministri Italia viva dall’esecutivo. Ex M5s come Paola Nugnes, Michele Giarrusso e Gregorio De Falco, ma anche ex Forza Italia come Sandra Lonardo, la moglie di Clemente Mastella, ora al Gruppo Misto. Proprio la senatrice di Benevento sarebbe la capofila di questo gruppo destinato a soccorrere l’esecutivo. Tra i possibili nomi anche un ex Pd come Tommaso Cerno (al Misto dallo scorso febbraio).
Poi c’è un tredicesimo nome, quello di Riccardo Nencini, che corse alle elezioni con il simbolo “Insieme”, facendo poi un assist a Matteo Renzi consentendogli di usare il simbolo per creare un gruppo congiunto con i senatori della neonata Italia Viva (la dicitura estesa del gruppo dei renziani a Palazzo Madama, infatti, è “Italia viva – Partito socialista italiano”, ndr). Questo perché al Senato vige un regolamento che vieta di creare dal nulla dei gruppi parlamentari autonomi. Nencini ha fatto trapelare di sentirsi un “costruttore”. Cosa accadrebbe quindi se Nencini decidesse di stare in maggioranza al fianco di Conte, M5s, Pd, Leu e gli (eventuali) futuri “responsabili”? C’è la possibilità che i senatori di Italia Viva siano costretti a riciclarsi nel Gruppo Misto.
Ecco, comunque, al netto di Riccardo Nencini, la lista dei nomi che potrebbero garantire la sopravvivenza dell’esecutivo.

fonte tgcom24

Tags: