domenica 28 Febbraio 2021 Benevento. Dopo i 5 arresti per usura la Procura invita le vittime a rivolgersi allo Stato per gli aiuti. | infosannionews.it domenica 28 Febbraio 2021
Smooth Slider
AltraBenevento : “Sparito il tetracloroetilene, miracolo non credibile”

AltraBenevento : Sparito il tetracloroetilene, miracolo non credibile

Scrive Gabriele Corona da AltraBenevento : "Gesesa pubblica nuove tabelle ...

Gli Amici della Terra a colloquio con il delegato del Prefetto

Gli Amici della Terra a colloquio con il delegato del Prefetto

Una delegazione del Comitato Promotore del Club degli Amici della ...

Sospensione didattic in presenza: la nota dell’Unisannio

Sospensione didattic in presenza: la nota dell'Unisannio

L'ordinanza n. 6 del 27 febbraio 2021 sospende le lezioni ...

Asl Benevento. Processati oggi 279 tamponi. I positivi accertati sono 21

Asl Benevento. Processati oggi 279 tamponi. I positivi accertati sono 21

L'Asl di Benevento comunica di aver processato oggi 279 tamponi ...

Telese Terme partecipa alla Giornata Mondiale delle Malattie Rare

Telese Terme partecipa alla Giornata Mondiale delle Malattie Rare

“L’Amministrazione Caporaso ha accolto da subito la richiesta dell’ANCI di ...

Maglione: “Incontro con Iarusso e Delli Veneri su attività RDC”

Maglione: “Incontro con Iarusso e Delli Veneri su attività RDC”

“Da diversi mesi sto portando avanti una serie di incontri ...

Benevento. Dopo i 5 arresti per usura la Procura invita le vittime a rivolgersi allo Stato per gli aiuti.

14/01/2021
By

Vittime di usura che non collaborano e smentiscono e finiscono imputati di favoreggiamento, c’è anche questo nella indagine della Procura che ha portato agli arresti di Vincenzo Collarile, 62 anni, Ivano Nizza, 47 anni, Cosimo Parrella, Pasqualino Parrella, 42 anni, Armando Piscopo, 45 anni. Imprenditori sanniti spaventati a tal punto da negare le evidenze o  le intercettazioni nel mentre una sola vittima, titolare di un agriturismo con piscina, che ha dovuto cedere, si è fatto coraggio ed ha denunciato il tutto. E’ stato anche minacciato dagli usurai quando gli stessi si sono accorti della denuncia  per intimorirlo e farla ritirare.

Le indagini hanno accertato l’attività del gruppo in piedi almeno dal 2013 fino ad oggi con interessi che diventavano ben presto insostenibili per le povere vittime raggiungendo anche il 240%. Fondamentale è stata anche l’attività delle Associazioni antiusura ed antiracket e l’attività della squadra mobile che non ha fatto mai mancare un aiuto psicologico all’imprenditore oggetto anche di gesti ritorsivi con l’incendio dell’autovettura.

E’ questa la punta di tutta un’attività malavitosa che si differenzia rispetto alle altre province solo nella modalità con la quale si avvisano i malcapitati a pagare. Altrove si spara, qui si incendiano le auto, ha detto il Procuratore dott. Policastro !

Tags: