giovedì 25 Febbraio 2021 Riapertura scuole Campania 2021, su possibile slittamento disaccordo del Coordinamento dei Presidenti dei Consigli Istituto | infosannionews.it giovedì 25 Febbraio 2021
Smooth Slider

Anche le Terme di Telese sito per vaccinazioni anti-covid

Partita ieri da Telese Terme la vaccinazione per gli operatori ...

La Asl di Benevento individua altri 28 nuovi positivi al Covid 19

La Asl di Benevento individua altri 28 nuovi positivi al Covid 19

Sono 28 i nuovi positivi al Covid 19.I dati sono ...

Gesesa,oggi pomeriggio interruzione idrica a causa di un guasto improvviso

Gesesa,oggi pomeriggio interruzione idrica a causa di un guasto improvviso

Comunichiamo che, a causa di una perdita improvvisa su una ...

Conferenza di Servizi per l’approvazione del progetto di messa in sicurezza del fiume Calore località Pantano

Conferenza di Servizi per l’approvazione del progetto di messa in sicurezza del fiume Calore località Pantano

Indetta dalla Provincia di Benevento la Conferenza di Servizi decisoria ...

Centro Democratico Benevento: Orgogliosi del Risultato Raggiunto dall'on.Tabacci

Nella giornata di ieri 24 febbraio 2021 il Presidente Draghi ...

Riapertura scuole Campania 2021, su possibile slittamento disaccordo del Coordinamento dei Presidenti dei Consigli Istituto

28/12/2020
By

L’assessore all’Istruzione della Regione Campania Lucia Fortini nei giorni scorsi ha ipotizzato  il rientro in aula graduale dal 7 gennaio.

Il Coordinamento dei presidenti dei Consigli di istituto della Campania chiedono incontro con Fortini:”In classe il 7 Gennaio”

Da gennaio 2021 si tornerà a scuola in Campania per le lezioni in presenza? Secondo il presidente della Regione Vincenzo De Luca non sarà immediato: si immagina un rientro a tappe, prima asili e scuole elementari poi medie inferiori e infine gli studenti delle scuole medie superiori.

Le scuole che faranno nel 2021? In Campania si ritornerà in classe a gennaio oppure occorrerà attendere ancora e rassegnarsi almeno per ora alla Didattica a distanza, croce di prof e studenti in tempo di Covid? Una cosa è certa: il 7 gennaio non coinciderà con una riapertura dei plessi scolastici. Questo è quanto dichiarato ieri dal presidente della Regione Vincenzo De Luca:

La Campania non aprirà tutte le scuole il 7 gennaio. Si è detto che il 7 gennaio ci sarà l’apertura delle scuole per la ripresa dell’anno scolastico, ma come si fa a fissare le date a prescindere, se non si fa una verifica il 3, 4 e 5 gennaio della situazione epidemiologia. In Campania non apriremo tutto il 7, valuteremo con grandissima attenzione e in ogni caso, mandare a scuola il 50 per cento degli studenti tutti insieme, è una scelta che alla Campania non convince. Faremo un passo alla volta anche per il rientro a scuola.

Dunque la posizione del governatore campano è  controcorrente, malgrado l’intesa Stato-Regioni che prevede di riaprire il 7, forte del rapporto del Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc).   L’assessore all’Istruzione della Regione Campania Lucia Fortini nei giorni scorsi ha ipotizzato a gennaio il rientro in aula graduale: dal 7 gennaio asilo, prima e seconda elementare in presenza, ordinanze dei sindaci permettendo. Poi, dall’11 gennaio in classe tutti gli alunni delle elementari. E infine, dal 18 gennaio studenti delle scuole medie inferiori, mentre per gli istituti superiori, dal 25 gennaio  in classe metà degli studenti a turno. Ma si tratta di una ipotesi: occorrerà attendere nei prossimi giorni.

Oggi con una nota il Coordinamento dei presidenti dei Consigli d’Istituto della Campania sollecita la riapertura delle scuole e chiede un incontro con l’assessore regionale all’Istruzione, Fortini. “In Campania la curva epidemiologica continua ad appiattirsi ma la ripresa in presenza della scuola sembra destinata a slittare ancora e non se ne comprende il motivo – afferma il coordinatore regionale, Almerico Ippoliti – concordiamo con la possibilità che la percentuale degli studenti in presenza delle scuole secondarie di secondo grado si attesti al 50 per cento lasciando, comunque, all’autonomia scolastica l’ultima decisione in merito ma siamo in forte disaccordo con lo slittamento ad altra data, diversa dal prossimo 7 gennaio, della ripresa della didattica in presenza”.

Tra queste, la proposta che i sindaci possono sospendere le lezioni scolastiche in presenza solo in quelle scuole in cui negli ultimi 7 giorni vi sia stato un aumento dei casi di Covid pari almeno al doppio della settimana precedente e comunque – si legge nella lettera – non inferiore al 20 per cento degli alunni della stessa scuola.

Tags: