domenica 26 Giugno 2022 San Pio. Primo calendario della storia del nosocomio sannita | infosannionews.it domenica 26 Giugno 2022
Smooth Slider

Pago Veiano. Forum Giovani: martedì 28 giugno il nuovo Presidente

Nello stesso giorno verrà eletto il nuovo consiglio direttivo formato ...

Corona : ” La Provincia e l’Asea non applicano le norme sul Deflusso Ecologico”

Corona : La Provincia e l'Asea non applicano le norme sul Deflusso Ecologico

Poca acqua dalla diga al fiume Tammaro, Altra Benevento contesta ...

A Benevento il Jazz è Vivo, con il concerto sotto le stelle “Le canzoni della radio”.

Si è conclusa, venerdì sera, in una gremitissima e calorosa ...

Benevento. Attestato in Biologia per i ragazzi del Liceo Scientifico “Galilei Vetrone”

Prime confidenze con la Medicina prima di affrontare l’Università.Il progetto ...

San Pio. Stazionaria la situazione al nosocomio nelle ultime 24 ore

San Pio. Stazionaria la situazione al nosocomio nelle ultime 24 ore

Resta stazionaria la situazione pazienti Covid al San Pio di ...

Giornata nera sulle strade: 6 feriti a Solopaca, incidente anche sulla tangenziale di Benevento.

Giornata nera sulle strade: 6 feriti a Solopaca, incidente anche sulla tangenziale di Benevento.

Tutta da accertare la dinamica di un incidente stradale avvenuto ...

Stampa articolo Stampa articolo

San Pio. Primo calendario della storia del nosocomio sannita

10/12/2020
By

Presentato questa mattina dal direttore generale Mario Ferrante alla presenza del medico Giovenale Tresca che ha anche una anima artistica con la quale ha raffigurato in 24 opere San Pio che non solo illustreranno il calendario ma saranno anche esposte in una stanza appositamente creata che, ha detto appunto Ferrante, diventerà anche “simbolo e luogo di meditazione e preghiera all’interno dell’ospedale”. Parte importante di questo progetto è stata anche Confindustria Benevento che da un pò di tempo è presente a fianco all’azienda Ospedaliera.

Da parte sua Giovenale Tresca ha dichiarato : “Ho voluto regalare 24 mie opere che raffigurano San Pio, al quale sono devoto, all’ospedale in un momento di sofferenza. Padre Pio è stato sofferente ed ha dato il valore alla sofferenza. Devo ringraziare il direttore Ferrante per la sua sensibilità. E’ mio immenso piacere vedere Silenzio d’Amore ricordando la frase di Padre Pio: il Signore parla a chi ha le orecchie basse e sta in silenzio. Queste opere  dovrebbero completare le terapie mediche come farmaco emozionale e spirituale per un credente. Per chi non crede, invece, spero che in questi quadri possa trovare pace e magari anche quella Luce”.

Tags: