martedì 24 Novembre 2020 Comitato Sannita ABC : ” A Sant’Agata de’ Goti sono trascorsi 10 giorni ma l’acqua non è ancora potabile” | infosannionews.it martedì 24 Novembre 2020
Smooth Slider

Dal 25 Novembre scuole dell'infanzia e prime classi elementari saranno in presenza

Le attività in presenza per la scuola dell’infanzia e per ...

Sant’Agata de’ Goti. Valentino: “L’Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione”

Sant'Agata de' Goti. Valentino: L'Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione

In riferimento  alla ordinanza Sindacale n. 209/2020 del 19.11.2020 ad ...

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea ha un suo Piano di Protezione civile. Lo rende ...

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Le lezioni dal lunedì al venerdì: dalle 9,15 alle 14,15. ...

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Una fiumana di euro dalla regione campania ai frati cappuccini ...

Rione ferrovia,fiamme in un appartamento ferito un 24enne

Un giovane è rimasto ferito  in seguito ad un'incendio divampato ...

Comitato Sannita ABC : ” A Sant’Agata de’ Goti sono trascorsi 10 giorni ma l’acqua non è ancora potabile”

31/10/2020
By

Sono trascorsi 10 giorni dall’ordinanza n. 56 del 20/10/2010 del sindaco di Sant’Agata de’Goti che ha dichiarato il divieto di utilizzo dell’acqua per usi potabili, ma ancora non è stata ripristinata la potabilità. Il Comitato Sannita Acqua Bene Comune esprime forti preoccupazioni per la salute dei cittadini Santagatesi del centro storico ai quali è stato inibito l’utilizzo dell’acqua da bere a causa dello sforamento di un parametro sulla qualità previsto dal D.Lgs 31/2001. È il secondo episodio di acqua non potabile che si verifica in poco più di un mese in uno dei comuni serviti da Gesesa Spa. Ricordiamo, infatti, l’episodio di Benevento del 18.09 dove è stato disposto il divieto di utilizzo ai fini potabili dell’acqua nelle zone di Rione Libertà per la presenza del batterio Pseudomonas Aeruginosa. Il Comitato Sannita Abc ha chiesto ufficialmente via pec a Gesesa SpA innanzitutto di ripristinare la potabilità ed in secondo luogo di far conoscere la sostanza trovata nelle acque di Sant’Agata che ha portato allo sforamento dei parametri legislativi. Con la stessa pec è stato chiesto all’Ente Idrico Campano di garantire la corretta gestione del servizio idrico nella provincia di Benevento, dove si continuino a verificare situazioni di mancata potabilità dell’acqua, che non garantiscono l’utilizzo della stessa nel rispetto dei parametri fisici, chimici e microbiologici, previsti dalle normative vigenti. L’Ente idrico Campano è tenuto ad intervenire nei confronti di Gesesa Spa, ai sensi degli artt. 1 e 8 della L.15/2015, ponendo in essere tutte le azioni necessarie per una buona gestione pubblica dell’acqua. Quello di Sant’Agata è soltanto l’ultimo di innumerevoli episodi che dimostrano la fallimentare gestione del Servizio idrico integrato nella Provincia di Benevento. L’Ente idrico Campano piuttosto che inaugurare fantomatiche sedi di distretto a Benevento, farebbe meglio a vigilare sulla corretta gestione del servizio idrico. L’invito che facciamo al neo eletto Sindaco di Sant’Agata Salvatore Riccio è quello di proseguire nel cammino iniziato dalla precedente amministrazione, guidata da Giovannina Piccoli, per avviare la ripubblicizzazione dell’acqua a Sant’Agata. Tutti i comuni della provincia sono chiamati a riappropriarsi della risorsa idrica per seguire i virtuosi esempi di gestione pubblica presenti nei nostri territori.

Tags: