martedì 24 Novembre 2020 AltraBenevento : “Il Centro Delta annuncia inutili querele per non spiegare quali test e tamponi “promossi” o pagati dal Comune ha effettuato.” | infosannionews.it martedì 24 Novembre 2020
Smooth Slider

Dal 25 Novembre scuole dell'infanzia e prime classi elementari saranno in presenza

Le attività in presenza per la scuola dell’infanzia e per ...

Sant’Agata de’ Goti. Valentino: “L’Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione”

Sant'Agata de' Goti. Valentino: L'Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione

In riferimento  alla ordinanza Sindacale n. 209/2020 del 19.11.2020 ad ...

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea ha un suo Piano di Protezione civile. Lo rende ...

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Le lezioni dal lunedì al venerdì: dalle 9,15 alle 14,15. ...

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Una fiumana di euro dalla regione campania ai frati cappuccini ...

Rione ferrovia,fiamme in un appartamento ferito un 24enne

Un giovane è rimasto ferito  in seguito ad un'incendio divampato ...

AltraBenevento : “Il Centro Delta annuncia inutili querele per non spiegare quali test e tamponi “promossi” o pagati dal Comune ha effettuato.”

25/10/2020
By

“Potrebbe chiarire l’assessore Mignone, socio di diverse società del consorzio Sannio Tech”.

“La società Centro Delta con una lunga nota alla stampa in risposta ai comunicati di Altrabenevento relativi ai tamponi effettuati su richiesta del Comune di Benevento, ha annunciato la solita trita, ritrita, scontata ed inutile querela perché abbiamo segnalato, tra l’altro, che quel laboratorio non compare nell’elenco regionale di quelli accreditati per tutti gli esami Convid19. Ma il Centro Delta con la nota stampa conferma di non essere iscritta in quell’elenco; dice di avere i requisiti e che non si spiega l’esclusione nonostante le sue insistenze. E quindi, perché annunciare querela? E’ chiaro che Centro Delta tenta di non affrontare le questioni che noi abbiamo posto, soprattutto per spiegare quale rapporto intercorre con il Comune di Benevento per i diversi tipi di test o tamponi “promossi” o pagati dall’Ente. In data 24 marzo 2020 il Comune di Benevento ha regalato alla ASL 2.000 tamponi ma non si sa dove li ha presi e a cosa sono serviti. Si sa, invece, che il 7 settembre il Comune ha firmato una convenzione con l’Università del Sannio e il Consorzio Sannio Tech per test da effettuare gratuitamente per anziani ultrasettantenni e già effettuati ad altre categorie (commercianti, forze dell’ordine, ecc.). Stranamente non era coinvolta la ASL. Nella convenzione si legge che il Centro di Ricerca Sannio Tech attraverso le proprie società consorziate “Effettuerà tutte le attività di laboratorio necessarie per l’esecuzione e l’elaborazione dei test sierologici e dei test sierologici rapidi, provvedendo alla copertura delle relative spese, stimate in € 10 per singolo test …”. Le società consorziate o collegate a Sannio Tech con contratti di rete che si occupano di analisi, sono: 1)Tecnobios, amministratore Porcaro Piero; soci: Porcaro Piero e Mignone Maria Carmela; 2)Genus Biotech , amministratore: Viola Sabrina; soci: Vito Pasquale,Vito Serena, Porcaro Piero e Porcaro Floriana; 3) Centro Delta, amministratore: Viola Sabrina; soci: Porcaro Piero, soc. Tecnobios, soc. Tecno ambiente; 4) Delta Biotech , amministratore Porcaro Piero; soci: Porcaro Piero, Mignone Maria Carmela, Porcaro Floriana, Porcaro Piercarmine, Porcaro Alberico Giuseppe; 5) Tecnolab srl, amministratore Luigi Di Meola; soci: soc. Delta Biotech, Luigi Di Meola Il valore dei test promossi dal Comune di Benevento è stato calcolato in €. 10,00 cadauno per un totale di €. 74.000 che risultano “donati al Comune” come stabilito con la Delibera della Giunta Comunale n.140 del 15/09/2020. Il Consorzio Sannio Tech ha potuto quindi godere di credito di imposta per pari valore e quindi i test offerti gratuitamente dal Comune ai cittadini, soprattutto in campagna elettorale, sono stati pagati dallo Stato. Che tipi di test erano? Perché la convenzione era firmata dal rettore dell’Università ma non era coinvolta la ASL ? Noi continuiamo a sperare che possano dare spiegazioni su questioni tanto delicate il Centro Delta, il Consorzio Sannio Tech e soprattutto l’avvocato Maria Carmela Mignone, assessore al Comune di Benevento e socio di diverse società che aderiscono a quel consorzio di cui lei stessa è stata amministratore fino al 27 maggio. Infine, per quanto riguarda direttamente il Centro Delta, ci permettiamo di rinnovare alcune domande: Perché dopo il caso del lavoratore della segreteria del sindaco, circa 50 dipendenti dell’Ente sono stati sottoposti a tamponi presso il Centro Delta? Perché solo alcuni Vigili Urbani hanno fatto il tampone al Centro Delta ed altri hanno dovuto aspettare la ASL? Quanto ha pagato il Comune per i tamponi al Centro Delta dei propri dipendenti, tutti con esito negativo? Quale rapporto c’è tra Comune e Centro Delta per gli esami clinici ai dipendenti? La presidente Sandra Sandrucci”

Tags: