sabato 28 Gennaio 2023 De Nigris: Solo incertezze e confusione alla Camera dei Deputati | infosannionews.it sabato 28 Gennaio 2023
  • Pd: Cacciano e Del Basso De Caro, il giorno della riscossa
Smooth Slider

Si cerca il tema del Design per la BeneBiennale

Il design è soprattutto l’intelligenza che si diverte e studia ...

Accademia superata in casa dal Volleyro

Brutto stop per l'Accademia Volley che ieri sera è stata ...

EdilBen Sant'Agnese: il punto su under 15 e under 17

Nuovo anno, nuove sfide per l’EDILBEN Basket Sant’Agnese che si ...

Il Comitato Sannita Abc manifesta davanti la Regione Campania e chiede un incontro a De Luca

Ieri pomeriggio, 27 Gennaio 2023,  il Comitato sannita Abc, con ...

Tradizione Ceramista, firmato il patto di amicizia tra Cerreto Sannita e Rutigliano

A Rutigliano, in provincia di Bari, è stato stipulato il ...

L’Anpi di Benevento per la memoria dell’Olocausto e per la lotta alle discriminazioni

La sezione di Benevento dell’Anpi ha celebrato il Giorno della ...

Stampa articolo Stampa articolo

De Nigris: Solo incertezze e confusione alla Camera dei Deputati

09/08/2012
By

Il voto espresso alla Camera sulla revisione della spesa – dice l’esponente di Sil –  almeno per ciò che riguarda le province, continua a generare incertezze e confusione.

Per alcuni – continua De Nigris –  il risultato parlamentare sarebbe da apprezzare. Il riordino delle province (dunque non la loro soppressione o accorpamento, come previsto nel testo originale) aprirebbe nuove e più favorevoli prospettive. Per altri, la decisione aumenta la possibilità di ricorrere ad un referendum per decidere l’adesione o la costituzione di una nuova regione.
Tuttavia, in attesa di capire come saremo “riordinati”, l’ennesimo voto di fiducia chiesto dal Governo ha palesemente ridotto il Parlamento ad un luogo dove annichilire vita e dignità politica dei suoi nominati, ubbidienti e disciplinati componenti.
Penosi appaiono i contorsionismi dialettici per spiegare il proprio impegno per una positiva definizione della vicenda. Pietose sono invece le spiegazioni per giustificare il loro voto-non voto.
Il Governo presentato come un governo tecnico, ma che di fatto in nome dell’emergenza economica sta governando l’Italia senza aver ricevuto alcun mandato elettorale (che continua ad incidere lentamente e profondamente sulla struttura sociale del paese) costringerà molti capoluoghi a richiedere elemosine istituzionali alle regioni di appartenenza.
Le improvvide ed incerte decisioni parlamentari, piegate ad una logica emergenziale gestita da un’élite tecnocratica, stanno inesorabilmente segnando la fine della politica e del rapporto tra rappresentanti e rappresentati.
Il ricatto tra l’adesione al progetto del governo e la bancarotta del paese – spiega De Nigris – ha finora prodotto l’attacco ad ogni livello di concertazione; ridotto la sovranità del paese (vedi fiscal compact); piegato i diritti dei cittadini e dei lavoratori a una variabile dipendente esclusivamente dall’andamento dei mercati finanziari internazionali.
Il ritorno a una società gerarchizzata, con un livello decisionale sempre più accentrato e concentrato attorno ai poteri delle banche, del grande capitale e a pochi livelli gestionali, si sta attuando con il placido e soccombente consenso del Parlamento. Il luogo della decisione è oggi tenuto insieme dal “bostik” dell’autoconservazione e dell’incapacità della politica di opporsi – costituzionalmente – alla governance tecnica.
Altro che abolizione, soppressione o riordino delle province ! I punti su cui discutere sono ben altri. Per farlo – conclude De Nigris – basterebbe invertire di segno e di contenuti i punti programmatici del governo in carica per avere il quadro delle emergenze su cui produrre una seria riflessione antagonista.

Stampa articolo Stampa articolo