mercoledì 12 Agosto 2020 Cerreto Sannita (BN), tre soggetti sorpresi dai carabinieri mentre stavano estraendo pietra calcarea senza autorizzazione da un fondo | infosannionews.it mercoledì 12 Agosto 2020
Smooth Slider
Covid-19, Azienda Ospedaliera “San Pio”, processati vari tamponi tutti risultati negativi

Covid-19, Azienda Ospedaliera San Pio, processati vari tamponi tutti risultati negativi

Si comunica che l’A.O.R.N. “San Pio” ha processato l’11.08.2020 nr. ...

Liberamente per Bonea, Bambini e Terza età, doppia iniziativa.  Prossimi allo start campo scuola e cure termali

Liberamente per Bonea, Bambini e Terza età, doppia iniziativa. Prossimi allo start campo scuola e cure termali

Doppia iniziativa nel sociale quella varata dall'Amministrazione comunale di Bonea.Piccoli ...

Rungi Ferrovia Valle Caudina ferma da cinque mesi: servono risposte urgenti

“La gente ha, quanto meno, il diritto di essere informata: ...

L'ozono, l'inquinante critico in estate. I dati SNPA per il 2019 e per l’estate 2020

Nel 2019, a livello nazionale, l’obiettivo a lungo termine per ...

Scontro sulla Telesina, coinvolte più auto in un tamponamento.Un ferito in codice rosso

Scontro sulla Telesina, coinvolte più auto in un tamponamento.Un ferito in codice rosso

Quattro auto sono entrate in collisione questo pomeriggio lungo la ...

Cerreto Sannita (BN), tre soggetti sorpresi dai carabinieri mentre stavano estraendo pietra calcarea senza autorizzazione da un fondo

04/07/2020
By

Denunciati per distruzione o deturpamento di bellezze naturali.

Nella giornata di ieri i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Cerreto Sannita, a conclusione di appostamenti e attività di indagine hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Benevento per reati contro l’ambiente tre cittadini del luogo per attività di estrazione di pietra calcarea non autorizzata. Nel corso del controllo è emerso che il proprietario di un fondo agricolo, ubicato in impervia zona montuosa, consentiva ad una ditta di rimozione terra del luogo l’estrazione di grandi quantitativi di pietra calcarea. Le indagini permettevano di verificare che fino ad oggi erano stati già estratti numerosi quintali di pietre, per un valore complessivo di circa euro 50.000 euro, trasportate con vari mezzi autoarticolati. Tutta l’area interessata ed i mezzi d’opera utilizzati sono stati sottoposti a sequestro, mentre la  posizione degli indagati, il proprietario del fondo ed i due responsabili della società, è tuttora al vaglio dell’autorità giudiziaria. L’intera operazione si inserisce in  un contesto di attività mirate al controllo del territorio al fine di contrastare il frequente fenomeno di deturpamento dei beni naturalistici ed ambientali mediante l’estrazione di pietre, legnami, sabbia ed altro, tutti materiali utilizzati illegalmente nella filiera del settore edilizio.

Tags: