sabato 11 Luglio 2020 “We can’t breathe”, la protesta per la morte di George Floyd anche a Benevento | infosannionews.it sabato 11 Luglio 2020
Smooth Slider
Il Comitato “Centro Storico” incontra Ambrosone e Coppola per proposte su viabilità e pulizia

Il Comitato Centro Storico incontra Ambrosone e Coppola per proposte su viabilità e pulizia

"In data odierna, a seguito della nota protocollata al “n. ...

GESESA-Tocco Caudio: interruzione idrica notturna

GESESA-Tocco Caudio: interruzione idrica notturna

Comunichiamo che a causa di un guasto improvviso di cui ...

Adeguamento scuole emergenza Covid, 15.000 euro al Comune di Limatola

Adeguamento scuole emergenza Covid, 15.000 euro al Comune di Limatola

Il Comune di Limatola ha ricevuto la somma di 15.000 ...

Stanziati definitivamente fondi per 13 milioni di euro per l'edilizia scolastica nel sannio

Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha ...

Minoranza consiliare Pago Veiano, olezzi putridi dall’isola ecologica, l’opposizione: “Va dislocata!”

Minoranza consiliare Pago Veiano, olezzi putridi dall'isola ecologica, l'opposizione: Va dislocata!

“La situazione di quanti vivono nelle vicinanze di via Giovanni ...

“We can’t breathe”, la protesta per la morte di George Floyd anche a Benevento

06/06/2020
By

Questo pomeriggio, organizzata da L@pAsilo 31 e da il Coordinamento Sannio Antirazzista si è svolta una manifestazione di protesta, davanti la Prefettura al Corso Garibaldi, per solidarizzare con la comunità afroamericana vittima di atteggiamenti estremamente brutali da parte della polizia americana, culminati nell’ultimo episodio di Minneapolis dove George Floyd è stato ammazzato a causa di una eccessiva brutalità nel corso di un arresto.

L’uomo è morto per soffoccamento avendo dovuto subire, faccia a terra per oltre otto minuti, la pressione esagerata del ginocchio del poliziotto sul collo, pratica questa che ha poi in effetti portato alla morte dell’uomo. Di qui il grido che caratterizza le manifestazioni : ““We can’t breathe”, “non riusciamo a respirare”.

Alessandro Tucci, del Coordinamento antirazzista, ha dichiarato : ““George Floyd è stato assassinato da un agente di polizia. Le immagini di quella morte sono molto forti e hanno scosso il mondo. Tutti si sono stretti attorno alla comunità e ai fratelli di Floyd. E’ stata una pugnalata al cuore. Non è solo la lotta al razzismo che deve mobilitarci, non può esserlo. Non è stato un eccesso di forza nei confronti delle forze dell’ordine, qui si protesta anche per un sistema economico che per anni ha ammazzato persone con classi subalterne. Questo sistema economico deve essere messo in discussione: uccide e produce povertà e deve essere sostituito”.