lunedì 18 Ottobre 2021 Maglione, M5S: “Condivido Rillo ma siamo più audaci con un cabina di regia complessiva per il Sannio” | infosannionews.it lunedì 18 Ottobre 2021
Smooth Slider

Pago Veiano.Confermata la giunta degli anni passati. Pietro De Ieso nuovo vice-sindaco.

Mauro De Ieso: “ per la terza volta consecutiva “incoronato” ...

Mastella alla guida della città per altri 5 anni.

Mastella alla guida della città per altri 5 anni.

https://youtu.be/LexW-6jceLYMastella vince ancora il ballottaggio e rivendica la sua posizione ...

Sconfitta al ballottaggio, Perifano: abbiamo fatto lo sforzo massimo ma è prevalsa la voglia di continuità

"Faremo opposizione corretta e incentrata sulle questioni della Città. Il ...

Sicurezza sul lavoro, dalla Prefettura iniziative per il rafforzamento di verifiche dell’osservanza della normativa

Sicurezza sul lavoro, dalla Prefettura iniziative per il rafforzamento di verifiche dell'osservanza della normativa

Nella mattinata odierna il Prefetto dott. Carlo Torlontano, così come ...

Il 23 ottobre UniSannio ospita il Linux Day 2021

Linux Day 2021. A Benevento talk live e incontri per ...

Maglione, M5S: “Condivido Rillo ma siamo più audaci con un cabina di regia complessiva per il Sannio”

11/04/2020
By

“Il grido di allarme lanciato dal Presidente del Consorzio Tutela Vini del Sannio, Libero Rillo, è assolutamente condivisibile e deve necessariamente sollecitare i vari livelli Istituzionali”.

Così il deputato Maglione in risposta al Presidente Rillo, che prosegue: “Il comparto vinicolo della Provincia di Benevento, che viene da un periodo di effervescenza, potrebbe risentire, come su tutto il territorio nazionale, di un grave contraccolpo e quindi è necessario approntare le misure necessarie per porre un argine. In tal senso, la distillazione di crisi è oggetto attualmente di riflessione da parte della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati e si conta di poterla rendere norma già dal prossimo decreto. Altri strumenti invece sono diventati operativi nella conversione del Cura Italia, anche come richiesto dalla filiera del vino italiano. Uno di questi è il pegno rotativo che allarga anche alla produzione vitivinicola DOP e IGP la possibilità di essere utilizzati come titoli di credito. Nella fase di conversione sono stati previsti anche specifici strumenti finanziari predisposti sia direttamente da ISMEA, che attraverso i fondi di garanzia delle PMI, e che intendono sostenere oltre che nuove linee di credito anche quelli esistenti attraverso ristrutturazioni o sostegno diretti sugli interessi passivi. Inoltre, si è anche approvato l’aumento dal 50% al 70% per l’importo per il quale è possibile richiedere l’anticipazione dei pagamenti diretti disposti nell’ambito della PAC con l’introduzione di una semplificazione procedurale che consentirà alle aziende di ottenere in forma semplificata, già a partire dal mese di maggio, dette anticipazioni. Una importante azione in termini di erogazioni di fondi è necessario che sia messa in campo anche dalla Regione Campania attraverso il PSR che ad oggi vede diverse misure, tra cui quella per i giovani, arenate, così come denunciato dalle associazioni di categoria. Strumenti anche per la promozione dei prodotti all’estero sono stati potenziati con fondi specifici e una serie di semplificazioni amministrative sono state introdotte per rendere più snello il lavoro degli imprenditori agricoli. Infine, altro strumento già attivo a livello europeo è quello della vendemmia verde che vista la situazione potrebbe aiutare il comparto per evitare una produzione in eccesso. Chiaramente altro può essere ancora fatto e migliorato ed è per questo che ritengo la proposta del Presidente di Rillo di un tavolo di confronto con i Sindaci una iniziativa lodevole affinché insieme si possano individuare strategie comuni con una più larga veduta. In tal senso”, prosegue il deputato, “voglio essere più audace e invitare ad una riflessione più ampia: avviamo come Sannio un momento di confronto ampio e che interessi tutti i settori del nostro territorio. Un tavolo all’interno del quale definire una strategia comune di sviluppo dell’intera Provincia su cui far convergere una specifica programmazione Istituzionale. Un primo approccio in tal senso c’è già stato attraverso la sinergia tra CIA, Coldiretti e Camera di Commercio attraverso il progetto Sannio Master Wine. Estendiamolo oltre al mondo agricolo allargandolo alle imprese, al commercio, alla formazione e al sociale e che coinvolga tutti gli attori politici e istituzionali e le associazioni di categoria. Una cabina di regia che guardi alla fase 2 di questa emergenza e che veda l’intera classe politica, produttiva e culturale sannita ragionare su una visione di territorio. E’ un progetto ambizioso”, conclude Maglione, “ma sono convinto che da ogni crisi può nascere qualcosa di positivo e noi tutti dobbiamo provarci.”

Tags: