sabato 6 Giugno 2020 L’AsDIM organizza l’iniziativa “Io resto a casa ma ricevo l’uovo di Pasqua” | infosannionews.it sabato 6 Giugno 2020
Smooth Slider

Il giovanissimo Fiore Girardi di Pesco Sannita premiato tra i 66 studenti della Federico II

Presente il prof. Gaetano Manfredi, Ministro dell’Università e Ricerca.Sono stati ...

Qualità dell’aria, Arpac, con la fase due “ritornano” gli ossidi di azoto in Campania

Qualità dell’aria, Arpac, con la fase due “ritornano” gli ossidi di azoto in Campania

A partire dallo scorso 4 maggio, con la cosiddetta “fase ...

Diploma di Fagotto per Chiara Iscaro

La valente dottoressa in Medicina Veterinaria Chiara Iscaro ha conseguito ...

Azienda Sanitaria San Pio. Oggi nessun tampone positivo

Azienda Sanitaria San Pio. Oggi nessun tampone positivo

L’A.O.R.N. “San Pio” ha processato in data odierna nr. 80 ...

Bando Mibact piccoli comuni. Sen. De Lucia : “Partecipate!”

Bando Mibact piccoli comuni. Sen. De Lucia : Partecipate!

“Ho provveduto ad inoltrare nei giorni scorsi una mail ai ...

Donate due Opere d'Arte alla Provincia di Benevento

Al Museo Arcos sono state consegnate due opere donate dagli ...

L’AsDIM organizza l’iniziativa “Io resto a casa ma ricevo l’uovo di Pasqua”

03/04/2020
By

 

L’Associazione Diabetici Italia Meridionale organizza l’iniziativa “Io resto a casa ma ricevo l’uovo di Pasqua”. Come hanno spiegato il Presidente Annio Rossi ed il coordinatore Generale Giovanni Chiusolo, l’AsDIM ha deciso di donare ai bambini bisognosi, in questo periodo di lotta al coronavirus, l’uovo di Pasqua che, magari, altrimenti, non avrebbero ricevuto. Saranno le Parrocchie di San Modesto, Sacro Cuore e Santa Maria della Verità le destinatrici di questo omaggio che poi distribuiranno ai piccoli delle famiglie che vivono maggiormente il disagio di questo periodo. L’Associazione ha pensato anche ai bambini che eventualmente nella settimana Santa si dovessero trovare ricoverati nei reparti di Pediatria dell’Azienda Ospedaliera San Pio e del Fatebenefratelli. Sarà cura dei delegati dell’Associazione interfacciarsi con i primari dei reparti suddetti e, nel caso di presenza dei piccoli, far giungere anche a loro, tramite il personale sanitario, questi piccoli omaggi.

Tags: