lunedì 29 Novembre 2021 Altrabenevento : “Il primo morto da coronavirus a Benevento è un operatore del servizio di soccorso 118. “ | infosannionews.it lunedì 29 Novembre 2021
Smooth Slider

Variante Omicron, completato sequenziamento: 4 positivi in Campania

La Regione Campania completa il sequenziamento relativo al paziente zero ...

Gesesa, Sguera (Civici e Riformisti): “Dall’inchiesta emerge una questione politica enorme”

“E’ uno scenario preoccupante quello descritto nella nota stampa diffusa ...

Maltempo, prorogata in Campania l’atterta meteo

Maltempo, prorogata in Campania l'atterta meteo

Dopo un brusco abbassamento delle temperature in tutta la provincia ...

Presentato stamani presso la Regione Campania il portale Legalit@ - I codici delle relazioni rivolto alle scuole

Questa mattina nell'Aula "Giancarlo Siani" del Consiglio regionale della Campania ...

Stampa articolo Stampa articolo

Altrabenevento : “Il primo morto da coronavirus a Benevento è un operatore del servizio di soccorso 118. “

19/03/2020
By

“Nessun tampone e nessuna quarantena per i suoi colleghi. Altri medici e operatori di emergenza sono contagiati o a rischio, ma nessuno interviene e le autorità locali si limitano a ripetere di stare tutti casa, senza contrastare i veri focolai.”

“E’ morto stamattina Salvatore Calabrese, di Solopaca ma che lavorava a Benevento presso la centrale operativa del servizio di soccorso del 118 (ambulanze) ricoverato da diversi giorni in terapia intensiva perché contagiato da coronavirus.
Mentre esprimiamo le nostre condoglianze alla famiglia e ai suoi colleghi, continuiamo a denunciare, come facciamo da diversi giorni, le condizioni in cui sono costretti a lavorare i medici, gli infermieri, gli operatori socio sanitari dell’Ospedale San Pio di Benevento, con dispositivi di protezione non sufficienti e a rischio di contagio continuo.
Dopo le nostre insistenze, cominciano ad arrivare i risultati dei tamponi effettuati dieci giorni fa, e già risultano positivi due medici. Non dovrebbe succedere: i sanitari non si dovrebbero infettare se tutto funzionasse a dovere.
E poi ci sono gli operatori delle ambulanze tenuti costretti a continuare il loro lavoro nonostante abbiano soccorso pazienti risultati positivi al coronavirus ma senza gli adeguati sistemi di protezione. La permanenza in servizio di quei lavoratori, a contatto con altri ammalati, medici e colleghi, è causa certa di altri contagi, ma le nostre autorità locali continuano a ripetere genericamente a tutti di rimanere a casa senza affrontare veramente i focolai pericolosi.
Insistiamo nel chiedere i tamponi per tutti gli operatori a rischio e non solo per quelli che hanno sintomi perché potrebbero essere asintomatici ma intanto contaminare altri.
Segnaliamo i fatti anche alla Procura della Repubblica per le indagini conseguenti.”

Per Altrabenevento, Sandra Sandrucci

Tags: