martedì 21 Settembre 2021 L’europarlamentare Erminia Mazzoni interviene sul riordino delle province promuovendo di fare fronte comune contro l’articolo17 | infosannionews.it martedì 21 Settembre 2021

Smooth Slider

Da giovedì 23 settembre anche a Telese Terme il mercato di Campagna Amica 

Da giovedì 23 settembre dalle ore 8.00 alle 13.30, e ...

Il Benevento soffre ma quando entra Lapadula dilaga: Benevento 4 Cittadella 1

Benevento (4-3-3): Paleari; Letizia, Glik, Barba, Foulon; Ionita, Calò, Acampora; ...

Elezioni Pietrelcina,primo comizio pubblico del candidato sindaco Alessio Scocca

Entra nel vivo la campagna elettorale a Pietrelcina, con il ...

Notte delle Streghe: successo di pubblico senza precedenti

Successo di pubblico per la nona edizione della ‘Notte delle ...

Giornate Europee del Patrimonio: al Museo del Sannio un appuntamento in più

Le prenotazioni nell'ambito delle "Giornate Europee del Patrimonio” per le ...

Dissesto, Perifano: “Mastella non vuole chiarire? È un altro schiaffo alla Città”

Dissesto, Perifano: “Mastella non vuole chiarire? È un altro schiaffo alla Città”

“Mi aspettavo che da palazzo Mosti giungessero parole chiare sui ...

L’europarlamentare Erminia Mazzoni interviene sul riordino delle province promuovendo di fare fronte comune contro l’articolo17

24/07/2012
By

Erminia Mazzoni Presidente della Commissione Petizioni al Parlamento Europeo interviene in una nota  sulla questione che si è aperta sulle misure del decreto di revisione della  spesa sul riordino delle Province e sulla determinazione del Comune capoluogo nel caso di accorpamento tra la provincia di Benevento e la provincia di Avellino evidenziando il caso di fare fronte comune contro l’articolo 17.

                                                              Erminia Mazzoni Presidente della Commissione Petizioni al Parlamento Europeo

“È inutile -precisa l’europarlamentare- litigare. Adesso tocca all’ufficio di raccordo regione-enti locali fare la proposta. Che Benevento e Avellino si dividano sulla legittima questione del capoluogo è una iattura. Se le cose non dovessero cambiare, all’esito del riordino, sia l’una che l’altra potrebbero ricorrere. Il decreto che prevede i tagli e il successivo provvedimento sui criteri contengono evidenti approssimazioni, che aprono la porta a futuri e onerosi conflitti. Ora  l’unica cosa è fare fronte comune contro l’art. 17.” ha dichiarato l’On. Mazzoni, nel corso di un’intervista televisiva di Canale 58, sulla questione apertasi per la determinazione del comune capoluogo nel caso di accorpamento tra la Provincia di Benevento e quella di Avellino.

“Fortunatamente  -continua Erminia Mazzoni- il governo, anche se dopo aver ‘decretato’, si interroga sulle conseguenze e sembra intenzionato a proporre una proroga di 90 giorni, per dar tempo di procedere ai sensibili cambiamenti che l’accorpamento di oltre il 50% delle province produrrà. Non so se sia di retroguardia la protesta tesa a far capire al governo che i tagli non sono risparmi nè tanto meno economie. Non so se sia campanilistico sostenere che sopprimere province come Benevento in Campania, Crotone e Vibo in Calabria  sia sbagliato. So di certo che il decreto di revisione della spesa prevede misure, delle quali neanche il ministro Giarda riconosce la paternità, ma soprattutto prevede non tagli ma vere e proprie lacerazioni. Da nessuna parte però si trova un’analisi finanziaria e di bilancio che dia certezza dei numeri che si annunciano”, ha aggiunto l’On. Mazzoni, sostenendo che una manovra non si fa senza mettere i numeri sul tavolo.

“La soppressione delle piccole province non è la soluzione per ridurre gli sprechi e per produrre efficienza. Sono altri i centri di spesa da aggredire. Il Governo Monti colpisce gli effetti. Se non si opera sulle cause, si continueranno a fare operazioni di facciata. È la legge elettorale il punto di partenza, perché l’inefficienza del sistema è stata prodotta dalla classe dirigente. Non accetto l’arroccamento sulle prerogative parlamentari che impedirebbero al governo di intervenire nella materia elettorale. Questo è un Parlamento totalmente delegittimato e indebolito. La mia convinzione è, al contrario, che è difficile sperare che esso possa approvare una modifica efficace della legge in queste precarie condizioni di sopravvivenza”.

Print This Post Print This Post