sabato 24 Luglio 2021 Nazzareno Orlando(Tèl): Abbandonare sterili polemiche per puntare decisamente sui contenuti | infosannionews.it sabato 24 Luglio 2021
Smooth Slider

L'architettura dell'acqua, incontro organizzato dal Forum Camp dei Giovani

Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha ...

Il M5S sull’assenza di strategie culturali a Benevento

Il M5S sull’assenza di strategie culturali a Benevento

Già lo abbiamo detto, scrive Annamaria Mollica, ma occorre ripeterlo: ...

Elezioni, Perifano: “Superiamo gli steccati ideologici, sfida riguarda solo Benevento”

Elezioni, Perifano: “Superiamo gli steccati ideologici, sfida riguarda solo Benevento”

Così su facebook Luigi Diego Perifano, candidato sindaco di Alternativa ...

San Pio. Nuovo ricovero Covid 19

San Pio. Nuovo ricovero Covid 19

Un nuovo ricovero Covid 19 al San Pio di Benevento. ...

Nazzareno Orlando(Tèl): Abbandonare sterili polemiche per puntare decisamente sui contenuti

24/07/2012
By

Nazzareno Orlando in riferimento alle  ultime due  importanti sedute  consiliari, che si terranno  domani mercoledì 25 luglio e giovedì 26  a Palazzo Mosti ,nella nota inviata in redazione, punta su due importanti obiettivi che l’opposizione chiede all’amministrazione per il futuro della città:”Richiesta di un impegno politico complessivo che miri a restituire dignità ad un territorio sempre più marginalizzato e che attivi tutti i percorsi possibili per rilanciare uno sviluppo complessivo che ridia speranza alle giovani generazioni e ai meno garantiti”.

Nazzareno Orlando allo scorso Consiglio Comunale

Sono alle porte due importanti Consigli Comunali  – scrive Nazzareno Orlando di Territorio è Libertà- che arrivano a “fine stagione” come una sorta di offerta necessaria  a sbloccare delicate  e spesso poco chiare situazioni. L’uno traccia i confini di un Bilancio nato tra le polemiche e caratterizzato da un debito ancora non chiaro ne definito e l’altro fa tornare in aula un PUC che l’opposizione ha sempre osteggiato perché privo di requisiti e ,soprattutto,di veri contenuti.

Tra lettere riservate che ,a dispetto della definizione,approdano sulle pagine degli organi d’informazione e anacronistiche commissioni di indagine a cui ,se tutti fossero stati messi  nelle condizioni di attingere informazioni ,non sarebbe stato neanche necessario pensare ; tra strani trasversalismi che animano da sempre la  vita cittadina  e accuse ingenerose  di irresponsabilità,tra livori e cinismo….si va verso questi appuntamenti nelle condizioni peggiori.

Parlare di bilancio,infatti,significa sempre parlare delle opzioni future ovvero dei destini dell’intera comunità,così come varare uno strumento urbanistico dovrebbe sempre essere momento di alto  confronto e dibattito.

Invece si continua unicamente ad additare l’opposizione di ostruzionismo e non si vogliono cogliere  le difficoltà che la città, attraverso quei consiglieri, vuole far comprendere a chi è stato chiamato alla responsabilità di governare. L’opposizione ha nel suo DNA quello di verificare,stigmatizzare,denunciare tutto ciò che non è in linea con le corrette  procedure e che non da respiro politico e ,visto che chi oggi amministra è stato anche dall’altra parte ,ben dovrebbe saperlo essendosi comportato  per anni in maniera identica .

Benevento,ora però , ha bisogno di altro!

La città è sporca e la preoccupazione è che lo diventi sempre più !

Sarebbe facile dire che,con i tempi che corrono, è meglio essere irresponsabili che “responsabili “ ma ,forse,è il caso di abbandonare le sterili polemiche per puntare decisamente sui contenuti.

Ecco allora ben delineata la strada che caratterizzerà , almeno per quanto attiene TèL,queste ultime battute consiliari .

Proposte ed emendamenti  tesi a rafforzare gli impegni economici nei confronti delle fasce più deboli , mirati a dare più forza ad un sempre più un necessario welfare comunale .

Richiesta di tagli delle spese superflue. Richiesta di tagli delle consulenze superflue! Richiesta di redistribuzione degli incarichi ed efficientamento del personale interno da coinvolgere come vera risorsa.

Costruzione di un percorso serio e, se lo si vorrà, condiviso nella diversità dei ruoli …per trovare soluzioni al complicato stato delle casse comunali.

Richiesta di sempre maggiore trasparenza degli atti prodotti e semplificazione delle procedure con  pubblicazione di tutto quanto previsto dalla legge sul sito ufficiale .

Richiesta di esame e recepimento  delle proposte che arrivano dalle Commissioni non sempre,o quasi mai,tenute nella giusta  considerazione.

Richiesta di un impegno politico complessivo che miri a restituire dignità ad un territorio sempre più marginalizzato e che attivi tutti i percorsi possibili per rilanciare uno sviluppo complessivo che ridia speranza alle giovani generazioni e ai meno garantiti.

Per quanto riguarda il PUC ,invece,resterà  invariata la posizione assunta sin dalle prime sedute ovvero un secco e indiscutibile NO  frutto della volontà esclusiva di volerlo approvare nonostante evidenti vizi d’origine!

Richiesta ,consequenziale,di riaprire un vero confronto con la città e con le categorie coinvolte al fine di disegnare un territorio cittadino ecosostenibile e capace di trovare il giusto equilibrio tra la storia ,la cultura,il turismo ( che lo dovrebbero caratterizzare ) e le reali necessità abitative collegate,però,ad un attento esame delle  richieste e del possibile  scenario  in cui si andrà ad operare.

Un approccio meditato,dunque, a cui si spera,non saranno contrapposti vecchi copioni,scialbe  accuse e inutili polemiche … che la storia ha archiviato da tempo e che la città non comprenderebbe!

Print This Post Print This Post