sabato 24 Luglio 2021 Spending Review.Viespoli favorire nuove aggregazioni territoriali non la sommatoria delle vecchie | infosannionews.it sabato 24 Luglio 2021
Smooth Slider

L'architettura dell'acqua, incontro organizzato dal Forum Camp dei Giovani

Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha ...

Il M5S sull’assenza di strategie culturali a Benevento

Il M5S sull’assenza di strategie culturali a Benevento

Già lo abbiamo detto, scrive Annamaria Mollica, ma occorre ripeterlo: ...

Elezioni, Perifano: “Superiamo gli steccati ideologici, sfida riguarda solo Benevento”

Elezioni, Perifano: “Superiamo gli steccati ideologici, sfida riguarda solo Benevento”

Così su facebook Luigi Diego Perifano, candidato sindaco di Alternativa ...

San Pio. Nuovo ricovero Covid 19

San Pio. Nuovo ricovero Covid 19

Un nuovo ricovero Covid 19 al San Pio di Benevento. ...

Spending Review.Viespoli favorire nuove aggregazioni territoriali non la sommatoria delle vecchie

23/07/2012
By

Il senatore Pasquale Viespoli di Coesione Nazionale, ha oggi rilasciato la seguente comunicazione ad Adnkronos relativa all’incontro avuto oggi con il Ministro della Pubblica amministrazione Filippo Patroni Griffi.

Il senatore Pasquale Viespoli

 “Auspico che con il governo si possa aprire un confronto costruttivo sul criterio adottato, nell’ambito della spending review, per la riduzione delle province. A cui noi siamo favorevoli, purche’ non si ricorra ad un criterio che se e’ solo quantitativo, risulta davvero ‘scriteriato’. Ci vuole piu’ coraggio e piu’ chiarezza”.

“Per come si e’ arrivati a questa misura -prosegue- oltre a discutibili profili sul versante della costituzionalita’, ci sono anche quelli sul piano dell’efficacia concreta. Se si tratta di effettuare risparmi, sarebbe opportuno che qualcuno provasse a quantificarli. Se si tratta di un riordino, vorrei capire come si fa a utilizzare criteri per cui per un pugno di abitanti in piu’ o un angolo di territorio superiore, si decreta la sparizione di un ente intermedio”.

“Il mero criterio quantitativo – argomenta Viespoli– determina un risultato a macchia di leopardo che rende difficile la riaggregazione.
Sarebbe stato molto piu’ facile stabilire la soppressione di tutte le province, tranne quelle corrispondenti a capoluogo di regione: questo avrebbe determinato, o determinerebbe, l’apertura di una fase di riaggregazione territoriale con piu’ forte protagonismo della base. E capace, quindi, di dar vita a nuove aggregazioni e non alla sommatoria delle vecchie: insomma – conclude Viespoli – più coraggio al centro, più partecipazione dal basso”.

Print This Post Print This Post