sabato 18 gennaio 2020 Amorosi: pescatori pugliesi sorpresi con 3000 ricci di mare raccolti nella costa tirrenica | infosannionews.it sabato 18 gennaio 2020
In evidenza

La pattinatrice, campionessa mondiale 2011, Viviana D'Alessandro questa sera ai soliti ignoti

Con lei anche il fratello come  parente misterioso  da indovinare. Il ...

Tragico incidente sulla SS.90 bis. Scontro frontale tra due vetture muore una donna.

Traffico in tilt questo pomeriggio, per via di un ...

La dieta mediterranea è la più sana che ci sia per il terzo anno di fila.

Le diete vanno e vengono e hanno il loro tempo ...

Airola, il dottore Giuseppe Iadevaia designato Vicesegretario comunale

Airola, il dottore Giuseppe Iadevaia designato Vicesegretario comunale

Giuseppe Iadevaia è stato designato vicesegretario del Comune di Airola. ...

Amorosi: pescatori pugliesi sorpresi con 3000 ricci di mare raccolti nella costa tirrenica

12/12/2019
By

I tre uomini  fermati da una pattuglia di Carabinieri, non avevano alcuna autorizzazione al trasporto dei frutti di mare che probabilmente erano destinati al mercato nero dell’area adriatica barese.

Ad Amorosi, questa mattina, nel corso di un servizio per il controllo del territorio, la pattuglia di Carabinieri della locale Stazione , ha fermato un auto una Ford Galaxy con tre persone a bordo, tutte di origine della provincia barese. Durante gli accertamenti i carabinieri hanno scoperto che i tre, che viaggiavano lungo la Strada Statale 372 telesina con direzione di marcia verso la Puglia, avevano a bordo 4 grossi contenitori in plastica contenenti ricci di mare. I militari hanno poi verificato che gli stessi non avevano alcuna autorizzazione al trasporto dei frutti di mare.
Nell’autovettura è stata rinvenuta anche la presenza di mute e attrezzattura idonea per l’immersione e la pesca in mare dei ricci. E’ verosimile che i tre, tra i 25 e 36 anni, tutti della costa adriatica del Nord Barese, dopo aver pescato i ricci di mare nel Mar Tirreno della costa laziale e toscana, stavano ritornando nei loro paese di origine con tutto quanto era stato pescato.
Tutti e tre gli occupanti dell’autovettura sono stati denunciati in stato di libertà per violazione della disciplina igienica per il trattamento delle sostanze alimentari, mentre la merce, del peso di 1,30 quintali per un totale di 3.050 ricci, è stata posta sotto sequestro. I frutti di mare per un valore stimato in circa 3000 euro erano presumibilmente destinati al mercato nero dell’area adriatica barese.

Tags:

             

Il Campionato del Benevento Calcio

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Atelier Pantheon

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio