lunedì 6 aprile 2020 Amorosi: pescatori pugliesi sorpresi con 3000 ricci di mare raccolti nella costa tirrenica | infosannionews.it lunedì 6 aprile 2020
Smooth Slider

Il Parroco di Paduli ringrazia i Carabinieri per gli aiuti alimentari ai meno abbienti

Questo il testo del messaggio : “Oggi pomeriggio, il Comandante della ...

Benevento. Da domani guanti monouso e disinfettante a disposizione dei clienti

Benevento. Da domani guanti monouso e disinfettante a disposizione dei clienti

Lo stabilisce un’ordinanza emanato oggi dal sindaco Mastella Il sindaco Clemente ...

Linea Libera, un progetto per denunciare la criminalità che non va in quarantena

Giovedì alle ore 18:00 confronto digitale sulla pagina Facebook del ...

Gepos. Avevamo comunicato formalmente al Comune di Telese la decisione di assistere malati di Covid-19

La Gepos ha comunicato pubblicamente la scelta di assistere i ...

Amorosi: pescatori pugliesi sorpresi con 3000 ricci di mare raccolti nella costa tirrenica

12/12/2019
By

I tre uomini  fermati da una pattuglia di Carabinieri, non avevano alcuna autorizzazione al trasporto dei frutti di mare che probabilmente erano destinati al mercato nero dell’area adriatica barese.

Ad Amorosi, questa mattina, nel corso di un servizio per il controllo del territorio, la pattuglia di Carabinieri della locale Stazione , ha fermato un auto una Ford Galaxy con tre persone a bordo, tutte di origine della provincia barese. Durante gli accertamenti i carabinieri hanno scoperto che i tre, che viaggiavano lungo la Strada Statale 372 telesina con direzione di marcia verso la Puglia, avevano a bordo 4 grossi contenitori in plastica contenenti ricci di mare. I militari hanno poi verificato che gli stessi non avevano alcuna autorizzazione al trasporto dei frutti di mare.
Nell’autovettura è stata rinvenuta anche la presenza di mute e attrezzattura idonea per l’immersione e la pesca in mare dei ricci. E’ verosimile che i tre, tra i 25 e 36 anni, tutti della costa adriatica del Nord Barese, dopo aver pescato i ricci di mare nel Mar Tirreno della costa laziale e toscana, stavano ritornando nei loro paese di origine con tutto quanto era stato pescato.
Tutti e tre gli occupanti dell’autovettura sono stati denunciati in stato di libertà per violazione della disciplina igienica per il trattamento delle sostanze alimentari, mentre la merce, del peso di 1,30 quintali per un totale di 3.050 ricci, è stata posta sotto sequestro. I frutti di mare per un valore stimato in circa 3000 euro erano presumibilmente destinati al mercato nero dell’area adriatica barese.

Tags: