mercoledì 28 Settembre 2022 Cosimo Izzo. Presenterò un’ ulteriore emendamento per la riscrittura dell’articolo 17 | infosannionews.it mercoledì 28 Settembre 2022
  • Post elezioni, Antonella Pepe: "prendere ago e filo per ricostruire un partito che oggi dimostra la sua debolezza"
Smooth Slider

Cerreto Sannita: domenica 2 ottobre “Caccia ai Tesori Arancioni” tra chiese e piazze, tra storie e aneddoti

Domenica 2 ottobre torna in tutte le località italiane riconosciute ...

L'Accademia Volley prepara il debutto in campionato per l'inizio del torneo.

Meno di due settimane al debutto in campionato per l'Accademia ...

Giovanni Palermo(PD) commenta il risultato elettorale di Apice

Giovanni Palermo(PD) commenta il risultato elettorale di Apice

All’indomani delle elezioni politiche, a commento del risultato elettorale interviene ...

Stampa articolo Stampa articolo

Cosimo Izzo. Presenterò un’ ulteriore emendamento per la riscrittura dell’articolo 17

18/07/2012
By

Entro la giornata di domani 19 Luglio presenterò in Commissione Bilancio del Senato un ulteriore emendamento al disegno di legge n. 3396 di conversione del Decreto-Legge n. 95/2012, che prevede l’integrale riscrittura del testo dell’articolo 17“.  Il Senatore  del Pdl Cosimo Izzo lo  ha annunciato in una nota.

“L’emendamento  nasce dalla verificata incoerenza complessiva del procedimento ipotizzato dal Governo per pervenire a una sostanziale rivisitazione delle circoscrizioni territoriali delle province. Partendo dalla irrinunciabile necessità di garantire un confronto preventivo con il sistema delle autonomie locali  onde assicurarne il necessario coinvolgimento – chiarisce il senatore- il testo che ho elaborato prevede un’intesa con la Conferenza Stato-Città e Autonomie Locali, organismo rappresentativo sul piano istituzionale degli enti locali, su un’ipotesi di riorganizzazione territoriale formulata dal Governo sulla base di linee di indirizzo indicate in maniera chiara dalla norma e che si sostanziano nella tendenziale riduzione del numero complessivo delle province, da attuarsi mediante accorpamento di realtà territoriali contigue e omogenee in un’area vasta che, per dimensioni e popolazione complessiva, nonché con riferimento ad obiettive condizioni di svantaggio geografico e infrastrutturale, assicurino adeguati standard di efficienza economico-gestionale, garantendo nel contempo livelli di acceso sostenibile ai servizi da parte dei cittadini, nel mantenimento delle province già esistenti alla data del 17 marzo 1861, nonché delle province sede di capoluogo di regione, ferma restando la soppressione delle province coincidenti con le città metropolitane, nella valorizzazione delle esigenze di contiguità di specifiche aree territoriali, sul piano della facilità nei collegamenti stradali e ferroviari e dell’accesso ai servizi pubblici statali e locali da parte delle comunità interessate e, infine, nell’individuazione delle funzioni delle province in relazione ai nuovi ambiti territoriali di competenza, con particolare riferimento alla viabilità provinciale e ai servizi di trasporto pubblico locale, all’edilizia scolastica, alla programmazione territoriale e socio-economica, ai servizi per il lavoro e alla promozione dello sviluppo economico.

Stampa articolo Stampa articolo