mercoledì 22 Settembre 2021 Damiano : E’ una amministrazione che fa la forte con i deboli e la debole con i forti. | infosannionews.it mercoledì 22 Settembre 2021

Smooth Slider

Da giovedì 23 settembre anche a Telese Terme il mercato di Campagna Amica 

Da giovedì 23 settembre dalle ore 8.00 alle 13.30, e ...

Il Benevento soffre ma quando entra Lapadula dilaga: Benevento 4 Cittadella 1

Benevento (4-3-3): Paleari; Letizia, Glik, Barba, Foulon; Ionita, Calò, Acampora; ...

Elezioni Pietrelcina,primo comizio pubblico del candidato sindaco Alessio Scocca

Entra nel vivo la campagna elettorale a Pietrelcina, con il ...

Notte delle Streghe: successo di pubblico senza precedenti

Successo di pubblico per la nona edizione della ‘Notte delle ...

Giornate Europee del Patrimonio: al Museo del Sannio un appuntamento in più

Le prenotazioni nell'ambito delle "Giornate Europee del Patrimonio” per le ...

Dissesto, Perifano: “Mastella non vuole chiarire? È un altro schiaffo alla Città”

Dissesto, Perifano: “Mastella non vuole chiarire? È un altro schiaffo alla Città”

“Mi aspettavo che da palazzo Mosti giungessero parole chiare sui ...

Damiano : E’ una amministrazione che fa la forte con i deboli e la debole con i forti.

17/07/2012
By

Un bilancio condiviso aveva chiesto Lealtà per Benevento ma tutti i suggerimenti dati non sono stati ascoltati e nonostante lo spirito di coalizione che ci unisce alla maggioranza non potevamo ignorare tutto ciò”  – così esordisce Aldo Damiano alla Conferenza Stampa di questa mattina in Via Martiri d’Ungheria, sede proprio di Lealtà per Benevento.

I nostri emendamenti non mirano a togliere somme ad un assessorato per darle ad un altro ma vogliamo recuperare 3 milioni di euro da reinvestire nel sociale per circa 600.000 euro con il resto che si potrebbe utilizzare per risanare in parte il bilancio I 23 emendamenti, da approvare tutti insieme, sono stati raccolti in un unico maxi emendamento perchè lo spacchettamento potrebbe non sortire gli stessi risultati. Non è possibile discutere per 4 mesi sulla possibilità del dissesto ed essere estremamente veloci su alcuni temi importanti. I nostri 23 emendamenti sono :

1° Sostituzione dei dirigenti esterni con quelli interni. Ogni dirigente sostituito produce un risparmio di oltre 70.000 euro che moltiplicati per 4 danno 280.000 euro di risparmio. Se poi ci aggiungiamo anche quello dell’Asia, anch’esso esterno, ne diventano 5. Bisogna investire su dirigenti interni che non cambiano ogni 5 anni o ancor meno così da dare anche continuità alla macchina amministrativa;

2° Riorganizzazione ufficio economato. Ci sono capitoli uguali per ogni settore che vanno riportati in un unico ufficio così da avere un risparmio di circa 80.000 euro.

3° Il sito web del comune dovrebbe essere unico con quello delle partecipate che, essendo partecipate al 100%, se protraggono un debito per situazioni superflue questo viene risanato dal comune. Dall’avere un sito unico si può ottenere un risparmio di circa 30.000 euro;

4° Accorpamento dei contenziosi storici con sostituzione di tutti i legali che li stanno curando. Ci sono unità commerciali che sono 20 anni che non pagano e che hanno dato origine a contenziosi con una situazione debitoria di recupero circa 800.000 eur0. Messi poi a regime significano un introito di altri 300.000 euro l’anno. Tra l’altro quest’amministrazione ha pensato di liquidare 30 anni di contenziosi con una relazione di sole 2 paginette.

5° Aggiornamento canoni di locazione degli immobili . Pensate che la piscina di Capodimonte paga solo 5.000 euro l’anno di fitto mentre per lo stadio comunale Ciro Vigorito il contratto è ancora in corso di definizione. E’ vero che ci sono stati investimenti fatti dal Benevento Calcio però tutto va regolato per sapere il dare e l’avere;

6° Campi da tennis di Via Marmorale e Viale Atlantici. C’è una situazione di morosità conclamata. E per il mercato commestibile di Via Cassella, su 26 banchi di vendita  oggi per il comune solo 10 sono occupati e 16 liberi nel mentre sul posto sono tutti occupati. Ed i controlli ?

7° Consulenze esterne. Non si può dire ai cittadini che non si possono dare i servizi e mantenere comunque i consulenti.

8°Condono edilizio. Da uno studio effettuato quando ero Assessore all’Urbanistica fu preventivato che la chiusura della procedura porterebbe entrate per almeno un milione di euro.

9° Dismissione dei contratti di fitto per le municipalizzate. Ad esempio l’Asia oggi utilizza locali privati per il ricovero delle macchine. Facciamo una ricognizione dei beni comunali e dismettiamo i contratti con i privati.

10°Specifica decadenza dei Consigli di Amministrazione delle Municipalizzate ove ci fossero  perdite di esercizio  e ciò per evitare sprechi. Ancora oggi i C.d.A. dell’Asia e dell’Amtu hanno ritenuto di non approvare ancora i bilanci del 2011. Quindi approviamo un bilancio non sapendo l’incidenza precisa delle municipalizzate.

11° Nei Patrocini comunali a manifestazioni che portano introito devono essere assicurati all’ente comune anche i rimborso.

12° Ridistribuzione del personale in carico con la sospensione immediata dei concorsi in atto.

Fin qui gli emendamenti che fanno introitare. Di seguito invece le spese.

13° Per sostegno allo studio alle famiglie 50.000 euro;

14°Sostegno alle associazioni per contrasto dei fenomeni della tossicodipendenza 30.000 euro;

15° Implementazione dello sportello antiracket 50.000 euro;

16°Progetto informatizzazione per la trasparenza degli atti pubblici amministrativi 70.000 euro.Per evitare che la crisi incida anche sulla trasparenza.

17°Finanziamento di un progetto che vada a verificare la possibilità di utilizzare le strutture comunali per il fotovoltaico euro 100.000 da destinare alla ricognizione e successiva progettazione.

18° Implementazione del progetto del sostegno alla vita per le ragazze madri 30.000 euro.

19° Benevento deve puntare sulla Cultura e sull’Unesco ma con campagne pubblicitarie non destinate solo alle nostre zone ma a carattere nazionale 100.000 euro.

20°  Costituzione di apposito albo delle associazioni per conoscere le attività realmente svolte nel campo sociale in modo da elargire realmente un contributo a chi veramente si occupa del sociale 40.000 euro.

21° Benevento citta d’Artisti. Benevento è piena di pittori, scultori, scrittori etc. Bisogna quindi creare questo elenco con un finanziamento di 40.000 euro per la creazione chiedendo agli artisti di esporre  le proprie opere nelle strutture comunali gratuitamente per avere una città aperta all’arte dei propri cittadini.

22° Progetto salva famiglie per quelle in condizioni precarie 30.000 euro.

23° Sostegno e finanziamento in materia di lavoro finanziando iniziative che si rivolgono a vecchi mestieri che oggi non si ritrovano più 50.000 euro.

Fin gli emendamenti. Continua poi Damiano dicendo che :” Mi auguro che gli uffici comunali preposti, che non sono quelli politici, ritengano ammissibili gli emendamenti“. Aggiunge ancora : ” La militanza  o l’appartenza non può prescindere da una attenta analisi. La politica si fa anche con l’autocritica e non mi sono mai appassionato a fare ricerche di colpevolezza. Questo approfondimento deve servire a stemperare i toni ed ad essere tutti più sereni. Sono 4 mesi che si discute dei debiti  del comune con lettere che vanno e vengono e ciò non è corretto e non è giusto. La forma ha lasciato spazio a polemiche ed ancora oggi a tre giorni dal consiglio comunale non ci è stato notificato nulla. Nel ragionamento sul bilancio manca autocritica. La ricerca delle responsabilità altrui non fa vedere le pecche nostre e non è il modo migliore di fare politica. Permettetemi di dire che non mi appassiona la polemica di Giuliano perchè se oggi si dice che già si sapeva che quell’ufficio non funzionava allora qualcuno dovrà dirci perchè non è stato rimosso per tempo. Ma non c’è stata mai una vera e propria presa di posizione contro Giuliano. I condizionamenti in politica non sono mai positivi o negativi. La finalità politica dovrebbe essere solo a favore del cittadino. Ma non tutti la pensano così se in questa città si continua con i condizionamenti. Ci sono imprenditori che arrivano come persone per bene e vanno via come deliquenti e deliquenti che arrivano  e vanno via come persone per bene. Nella questione della Conca ad esempio io ho cercato di salvaguardare il diritto di chi un alloggio lo aveva pagato e mi hanno detto di tutto fino ad avere oggi, il comune,  un contenzioso con loro di 2milioni e 800.000 euro. Io avevo trovato un accordo per far pagare 800.000 euro di oneri di urbanizzazione, avere una polizza fidejussoria e l’obbligo di terminare i lavori in 24 mesi. La mattina che dovevamo firmare l’accordo la vigilanza edilizia, senza alcun preavvertimento, andò a sequestrare il cantiere e tutto saltò. Risultato anzicchè ottenere 800.000 euro di pagamento di oneri di urbanizzazione abbiamo un contenzioso di 2 milioni e 800.000 euro. Per non parlare del milione di contenzioso con la Ciseb. Città strana :Parco Cellarulo opera finita con le persone che la frequentano si fanno indagini mentre Parco Verde non ultimato ed abbandonato nessuno ha mai discusso di quell’intervento. Su Zamparini il Tribunale di Benevento si è espresso dicendo che non c’erano abusi edilizi. Cosa avremmo dovuto fare invece? Subire una richiesta di risarcimento danni di 20 milioni? In conclusione si puo dire che nell’anno e mezzo di mio Assessorato sono stato fedelmente seguito da qualche personaggio in tutto ciò che facevo”. Alla domanda di infosannionews.it di cosa avrebbe fatto se gli emendamenti non fossero stati accolti Damiano ha risposto : “ Se gli emendamenti verranno accolti voteremo si al Bilancio altrimenti comunque non voteremo contro.”

Print This Post Print This Post