giovedì 21 Gennaio 2021 Questore Bonagura : ” Non si parla di tentativo di rapimento. Occorre capire cosa sia successo” | infosannionews.it giovedì 21 Gennaio 2021
Smooth Slider

La Rete Museale della Provincia di Benevento riapre al pubblico

Riapertura con divieti  nei week endLa Rete Museale della Provincia ...

Aggiornamento Covid 19,al “San Pio” 34 nuovi positivi

Aggiornamento Covid 19,al San Pio 34 nuovi positivi

Si comunica che l’A.O.R.N. “San Pio” ha processato in data ...

Asl, sono 38 i nuovi positivi al Covid 19.

Dall'aggiornamento sulla situazione dei contagi al Covid 19, nel Sannio, ...

Oggi al San Pio quattro deceduti per Covid 19 e un paziente dimesso

Quattro sono i pazienti Covid 19 deceduti nelle ultime 24 ...

Questore Bonagura : ” Non si parla di tentativo di rapimento. Occorre capire cosa sia successo”

10/10/2019
By

” Non ci sono orchi che girano per la città “.

Insomma cosa sia successo e quale siano state realmente le finalità del gesto sono al vaglio degli inquirenti. Al momento c’è la denuncia dei genitori in Questura, colpevolmente tardiva e dopo il tam tam dei social che come al solito tendono a sostituirsi ai canali normali con il loro carico di emozioni, mezze verità e, perchè no, a volte anche di fake news.

Il caso in esame, quindi  è stato  acclarato che non è una fake news ma  come va realmente catalogato è ancora tutto da chiarire. In questo senso si stanno muovendo gli inquirenti sfruttando ogni mezzo a loro disposizione. Bonagura ha dichiarato : “Si tratterebbe di una donna di etnia rom ma non possiamo ancora sbilanciarci sull’accaduto. In questo momento potranno essere molto utili le immagini delle telecamere di sorveglianza poste davanti al supermercato. La squadra mobile è al lavoro ma voglio tranquillizzare la cittadinanza di Benevento. Non c’è nessun orco in giro, nessuna strega cattiva. Bisogna mantenere la calma in situazioni come queste senza giungere a conclusioni affrettate. Le indagini faranno il loro corso e sono sicuro che arriveremo ad una soluzione in tempi brevi. Non possiamo definirlo un sequestro di persona ma qualcosa e accaduto, l’errore della famiglia, probabilmente, è stato quello di non denunciare subito l’episodio alle autorità giudiziarie ma divulgarlo ad amici e conoscenti via cellulare o sui social. E questo ha inevitabilmente innescato un putiferio su internet tra gente che ci credeva e gente che non ci credeva. Purtroppo l’episodio è accaduto ma era preferibile denunciarlo direttamente alla Polizia”.

 

 

 

 

 

Tags: