lunedì 18 novembre 2019 Sentenza Strasburgo: Riflessione di Compatibilità tra Ergastolo e Principio Rieducativo del prof.Palmieri dell’Unifortunato | infosannionews.it lunedì 18 novembre 2019
In evidenza

Disturbi da uso di cocaina e Stimolazione Magnetica Transcranica, corso all’Ordine dei Medici

Si terrà sabato 23 novembre 2019, dalle 8.30, presso l’Auditorium ...

XX Festa del Medico 2019. Medico del III Milliennio : Un professionista garante della nostra democrazia

  Sabato 16 novembre presso il Seminario Arcivescovile di Benevento è ...

Nottata movimentata. Due incidenti uno a Benevento l'altro a Guardia Sanframondi

Fortunatamente non ci sono feriti gravi, anche se due persone ...

Carabinieri. Due arresti tra Apollosa e Torrecuso.

Carabinieri. Due arresti tra Apollosa e Torrecuso.

Vasta e diversificata l’operazione di perlustrazione e controllo del territorio ...

Di Maria auspica che si rilanci al più presto la tratta Cancello-Benevento via Valle Caudina

Di Maria auspica che si rilanci al più presto la tratta Cancello-Benevento via Valle Caudina

Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha ...

Sentenza Strasburgo: Riflessione di Compatibilità tra Ergastolo e Principio Rieducativo del prof.Palmieri dell’Unifortunato

09/10/2019
By

Il commento del Prof. Giuseppe Maria Palmieri dell’UniFortunato.

La decisione della Grande Camera della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, pronunciata il 7 Ottobre 2019 in occasione del “Caso Viola”, risulta di particolare interesse – ha commentato il prof. Giuseppe Maria Palmieri, docente di Diritto Penale dell’UniFortunato – in quanto afferma il principio secondo cui il, cosiddetto, ergastolo ostativo – previsto dall’art. 4 bis dell’o.p. italiano – risulta in contrasto con l’art. 3 della CEDU, che prevede che «nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti».

In specie, dalla richiamata disposizione dell’ordinamento penitenziario viene preclusa, nei confronti dei condannati per determinate fattispecie delittuose, tra cui quelle in materia di criminalità organizzata, la possibilità di godere degli ordinari benefici previsti dalla legislazione italiana in materia di ergastolo, se non a condizione di divenire collaboratori di di giustizia.

Tale decisione – ha concluso il Prof. Palmieri – al di là di porre nuovamente l’attenzione sulla disparità di trattamento dei detenuti fondata sul possesso o meno della qualifica di “pentito”, si pone come nuova occasione di riflessione sulla più ampia questione, già più d’una volta sollevata innanzi alla Corte costituzionale, relativa alla dubbia compatibilità della pena dell’ergastolo, ex art. 22 c.p., con il principio rieducativo della pena affermato dall’art. 27 co. 3 della Costituzione italiana.

Tags:

             

Il Campionato del Benevento Calcio

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio