sabato 24 Luglio 2021 Ma la Madonna delle Grazie vorrebbe essere illuminata da chi fa i suoi affari sull’acqua ? | infosannionews.it sabato 24 Luglio 2021
Smooth Slider

L'architettura dell'acqua, incontro organizzato dal Forum Camp dei Giovani

Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha ...

Il M5S sull’assenza di strategie culturali a Benevento

Il M5S sull’assenza di strategie culturali a Benevento

Già lo abbiamo detto, scrive Annamaria Mollica, ma occorre ripeterlo: ...

Elezioni, Perifano: “Superiamo gli steccati ideologici, sfida riguarda solo Benevento”

Elezioni, Perifano: “Superiamo gli steccati ideologici, sfida riguarda solo Benevento”

Così su facebook Luigi Diego Perifano, candidato sindaco di Alternativa ...

San Pio. Nuovo ricovero Covid 19

San Pio. Nuovo ricovero Covid 19

Un nuovo ricovero Covid 19 al San Pio di Benevento. ...

Ma la Madonna delle Grazie vorrebbe essere illuminata da chi fa i suoi affari sull’acqua ?

29/06/2019
By

Il quesito lo solleva il Comitato Sannita Acqua Bene Comune.

Questo il testo inviato in redazione :

“Tre domande al Sindaco di Benevento sull’illuminazione della Madonna delle Grazie
1) Il sindaco di Benevento si sarà chiesto se la Madonna sarebbe d’accordo con la scelta di far illuminare la Basilica a Lei dedicata da Acea/Gesesa, ovvero una società che fa i suoi affari sull’acqua in totale disprezzo della volontà di 27 milioni di italiani che, nel 2011, espressero, in grandissima maggioranza, la convinzione che l’acqua restasse fuori dal mercato?

2) L’amministrazione comunale ha provato a chiedere ai cittadini di Benevento se vogliono che la Basilica dedicata alla patrona della città e della provincia venga illuminata da una società che opera concretamente contro le parole di Papa Francesco, che, nella Laudato sì, ha chiaramente sostenuto una posizione opposta alla privatizzazione dell’acqua?

3) Il Sindaco di Benevento e la maggioranza dei consiglieri comunali hanno chiesto agli elettori beneventani se desiderano che la gestione dell’acqua torni ad essere totalmente pubblica, indicendo il referendum consultivo richiesto da oltre 3.300 persone ?
A questo punto è legittimo pensare che il Sindaco Mastella ed il suo capo ufficio Zanone abbiano qualche timore di chiedere il parere delle cittadine e dei cittadini beneventani sulla questione dell’acqua e della sua gestione, presumendo che, se si andasse a votare questi esprimerebbero con chiarezza il loro malcontento di fronte ad una gestione della più preziosa delle risorse che torna solo a vantaggio dei soci privati e non certamente del bene comune e della salute dei cittadini.”

Tags: