venerdì 28 Gennaio 2022 Svaniti sul fisso e sul mobile i risparmi per i consumatori: spariscono “bonus ricarica” nella telefonia mobile e tariffe orarie più economiche nel fisso | infosannionews.it venerdì 28 Gennaio 2022
Smooth Slider

Agostinelli a De Longis: Una pessima caduta di stile oppure palese ignoranza.

“Una pessima caduta di stile, quella del consigliere De Longis, ...

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Sabato 29 gennaio dalle ore 10:30 in piazza Castello a ...

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell’ex Scuola Media

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell'ex Scuola Media

“Il Comune di Puglianello, attraverso un finanziamento proveniente dallo Stato ...

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

Il comune di San Leucio del Sannio è risultato beneficiario ...

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Al San Pio di Benevento nelle ultime 24 ore ci ...

Firmato protocollo tra Unisannio e Dipartimento F.P. per ri-formare la P.A.

Al via percorsi di laurea specifici per i dipendenti pubblici ...

Stampa articolo Stampa articolo

Svaniti sul fisso e sul mobile i risparmi per i consumatori: spariscono “bonus ricarica” nella telefonia mobile e tariffe orarie più economiche nel fisso

03/07/2012
By

Pietro Giordano, Adiconsum in una nota chiede ad Agcom  di valutare la variazione dei costi delle aziende e di fare chiarezza.

Pietro Giordano Segretario Generale Adiconsum

Chiediamo ad Agcom di valutare con attenzione la variazione dei costi delle aziende prevedendo il possibile impatto sui consumatori, in particolare sulle fasce più deboli e di fare chiarezza sulle aspettative di abbassamento delle tariffe promesso”

Adiconsum aveva segnalato che la diminuzione delle tariffe di terminazione non avrebbe comportato l’annunciato conseguente abbassamento dei prezzi al pubblico.

Dopo alcuni mesi dalla delibera assunta da Agcom – afferma Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum – ai consumatori resta la beffa dei risparmi svaniti, sul fisso e sul mobile.

Mentre nel mobile i contratti attivati ed i passaggi da una compagnia telefonica ad un’altra per assicurarsi bonus e ricariche – prosegue Giordano – sono stati chiusi dalle società senza assicurare continuità dei vantaggi promessi, nel fisso sono state abolite le tariffe base orarie, attivando una tariffa unica e provocando l’innalzamento dei costi.

In entrambi i casi, i vantaggi utilizzati dalla massa di consumatori, in particolare dalle fasce più deboli – conclude Giordano – risultano eliminati, a favore di un innalzamento del costo medio telefonico per famiglia.

Adiconsum chiede ad Agcom di valutare con attenzione le conseguenze delle variazione dei costi a carico delle aziende, prevedendone l’impatto sulle diverse categorie di consumatori, soprattutto ponendo in primo piano attenzione e tutela per le fasce di utenza più debole, già pesantemente provate dalla crisi.

Stampa articolo Stampa articolo