giovedì 6 Ottobre 2022 M5S. Il senso di Mastella per l’acqua | infosannionews.it giovedì 6 Ottobre 2022
  • Ucraina, De Luca annuncia: "Una grande manifestazione per la pace a Napoli sabato 29 ottobre".
Smooth Slider

Apollosa, la maggioranza: Dalla minoranza solo polemiche pretestuose!

"Il Consiglio Comunale di Apollosa, in data 4 ottobre, al ...

Benevento la città con più contagiati nel periodo dal 28 settembre al 4 Ottobre

Maglia nera della Campania Benevento con 391 contagiati nel periodo ...

Maglione: «Minacce a Volpe provano che Sannio non è un’oasi felice».

Maglione: «Minacce a Volpe provano che Sannio non è un’oasi felice».

«Nell’esprimere la mia solidarietà al direttore dell’Asl Gennaro Volpe, invito ...

Pubblicato il bando della decima edizione di Cinefrutta riservato alle scuole medie e superiori

È online il bando della decima edizione di Cinefrutta, il ...

Telese Terme e Viterbo, “gemellate” grazie alle terme e al telesino Antonio Di Pietro

L’evento di presentazione del libro di Antonio Di Pietro è ...

Imprese: “boom” di adesioni a Limatola per sos a governo contro cartelle esattoriali.

“E’ stato un vero e proprio successo l’avvio della raccolta ...

Stampa articolo Stampa articolo

M5S. Il senso di Mastella per l’acqua

23/03/2019
By

“Fino a quando ci sarà e non cambia la logica secondo una dimensione che è quella della proposta Daga… noi abbiamo il dovere di essere sul mercato”: questo il ragionamento di Mastella a giustificazione del via libera all’aumento di capitale della Gesesa, con ridimensionamento azionario del Comune di Benevento, mirante ad assecondare le strategie espansionistiche della Spa, distratta ad illuminare monumenti, tenendo in ombra i cittadini sugli esiti dei controlli sul tetracloroetilene. Scrivono dal Movimento 5 Stelle.

“Come da noi illustrato in Consiglio prima della dichiarazione di voto contrario alla proposta, risulta già completato alla Camera il ciclo di audizioni sul disegno di legge n.52 ad oggetto “Disposizioni in materia di gestione pubblica e partecipativa del ciclo integrale delle acque”, di cui è prima firmataria la deputata del MoVimento 5 Stelle Federica Daga e che, inquadrato nella previsione dell’articolo 43 della Costituzione, rispetta finalmente la volontà dei 27 milioni di italiani che nel 2011 hanno votato contro la privatizzazione dell’acqua. All’entrata in vigore della legge, le aziende esistenti dovrebbero essere ripubblicizzate grazie a quote del Ministero dell’Ambiente, con interruzioni delle concessioni al 31 dicembre 2020, data esattamente coincidente con la scadenza della durata fissata dall’art. 3 dello Statuto della Gesesa.
Secondo l’art.17 del Testo Unico delle Società Partecipate, la durata della società partecipata non può essere superiore alla durata dell’appalto e lo statuto deve prevedere meccanismi idonei a determinare lo scioglimento del rapporto societario in caso di risoluzione del contratto di servizio. Tale adeguamento, previsto dalla Legge entro il limite massimo del 31 dicembre 2017, non è mai avvenuto e il Comune di Benevento, in serena attesa del “cambio di logica” a livello normativo, prima ha sottoscritto il 17 luglio 2018 l’impugnabile convenzione che prevede l’affidamento per la gestione del Servizio Idrico Integrato alla Gesesa fino al 30 giugno 2022, cioè fino ad un anno e mezzo dopo l’avvenuta scadenza della Società e, poi, giocando d’anticipo di un anno rispetto alla naturale scadenza della partecipata, ne ha addirittura prorogato l’esistenza fino a tutto il 2050!
Per il MoVimento 5 Stelle l’acqua non è una merce e va sottratta a logiche di mercato. Privatizzarla vuol dire ledere un diritto naturale dell’umanità. L’acqua pubblica è la nostra prima stella ed è il secondo punto del Contratto di Governo.
Come ripete giustamente padre Alex Zanotelli: “non si può fare profitto sull’acqua”. Si legge nel resto del comunicato dei pentastellati.

Tags: