domenica 24 marzo 2019 La disamina di Bucchi della partita Benevento – Spezia 2 a 3 | infosannionews.it domenica 24 marzo 2019
In evidenza
Pesco Sannita. Edificio ex asilo: al via il decreto di occupazione preordinata all’esproprio

Pesco Sannita. Edificio ex asilo: al via il decreto di occupazione preordinata all’esproprio

L’Ente comune ha offerto ai vertici dell’ordine religioso delle suore ...

Da oggi la Regione Campania è più amica degli animali

“La legge  approvata rappresenta un punto di svolta sul territorio ...

dav

Mauro Felicori è l’Ambasciatore di Sannio Falanghina.

La cerimonia di conferimento si è tenuta questa sera a ...

Benevento. Quarantaseienne beneventano arrestato per detenzione a fini di spaccio

Benevento. Quarantaseienne beneventano arrestato per detenzione a fini di spaccio

Altre 5 persone denunciate in stato di libertà e 6 ...

La disamina di Bucchi della partita Benevento – Spezia 2 a 3

16/03/2019
By

Questo quanto ha dichiarato Bucchi in conferenza stampa :

“Non e’ stata una partita imbarazzante ma ci hanno condannato gli episodi. Siamo passati dal 2 a 1 per noi a viceversa. Allo Spezia non puoi concedere questo. Siamo stati bravi a rimettere la partita a posto dopo il loro vantaggio. Bravi all’inizio del secondo tempo a procurarci il rigore poi abbiamo comessi errori perdendo luciita’. Ci può stare quando perdi per 3 a 1 ma dovevamo restare lucidi e non subire l’espulsione di Volta. Sul 3 a 2 forse in 11 a 7 minuti dal termine potevamo recuperare come successo con il Lecce.  Noi  abbiamo sempre avuto il problema di tirare troppo e non segnare,  concedere poco ma subire gol. Siamo tornati come eravamo tempo fa. Abbiamo subito il secondo gol con la squadra schierata e non possiamo commettere questi errori. Ora ci gira tutto storto ed alla prima occasione prendiamo gol. Io chiedevo ai miei calciatori la giocata anche rischiando ma volevo la giocata. Queste sconfitte ci riportano al girone d’andata a quel periodo che pensavamo non tornasse avendo trovato solidita’ e punti. Quando trovi un avversario chiuso e bloccato dobbiamo fare di piu’ e su questo dovremmo lavorare di piu’, non siamo narcisisti perche’ a noi piace vincere. Quando sei messo bene in capo e concentrato non puoi perdere le partite e noi lo abbiamo fatto per 60 minuti. Ci sono mancati i risultati negli ultimi 14 giorni ma dobbiamo essere bravi a rendere i momenti difficili di sprono per il futuro. Ho mandato in campo Armenteros per dare un segnale alla squadra cioe’ di continuare ad attaccare per fare gol pur dopo il rigore sbagliato.

Se un gruppo di lavoro per otto mesi è mezzo ha fatto qualcosa di buono bisogna salvare quanto si e’ fatto. Ci vuole serenita’ ed equilibrio e’ questo e’ il ruolo della societa’ e dell’allenatore.

Ci sono momenti positivi e momenti negativi ma bisogna essere bravi a portare  la barca in porto durante la burrasca. Fino ad oggi abbiamo lavorato bene ed il percorso e’ questo ed e’ un percorso valido di costruzione. Si sono cambiati 25 giocatori, staff tecnico, medico e tutti ed il nostro, come ha detto il presidente, e’ un progetto su piu’ anni e quindi non abbiamo l’assillo di dover vincere per forza. Il nostro rigorista dall’estate e’ Coda e se ha deciso di calciarlo si e’ preso la responsabilita’ dimostrando personalita’. Poi l’ha sbagliato ma se avesse tirato Insigne e poi lo sbagliava avremmo detto perche’ non l’ha tirato Coda e cosi’ via. Con la societa’ non ho parlato, lo facciamo sempre dopo la conferenza stampa perche’ a caldo si puo’ sempre sbagliare. Io faccio l’allenatore e quindi sono sempre discussione. Ma sono proprio io che mi metto sempre in discussione perche’ e’ il mio mestiere e quindi lo vivo con tranquillita’. Io mi sono in discussione anche dopo la vittoria con il Pescara e quindi…”

Tags:

             

Ca.Ri. srl

Italia Service Servizi Finanziari s.r.l.

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio