venerdì 29 Maggio 2020 “1989 – 30 anni dalla caduta del muro“, la mostra allestita al “De La Salle” è stata inaugurata questa mattina | infosannionews.it venerdì 29 Maggio 2020
Smooth Slider
Delia Delli Carri : “Una Amara vittoria: io non decado!”

Delia Delli Carri : Una Amara vittoria: io non decado!

"Ma per loro, continua la consigliera uscita vincitrice nel braccio ...

Giovanni Giuseppe Cocchiaro smentisce la sua nomina in Italia Viva Sannio

Nomina in Italia Viva Sannio, la smentita di Cocchiaro:“Con meraviglia ...

Bonea, due maxi cantieri al via.Il commento dell'assessore Giampietro D'Apice

“Cominciamo a raccogliere, in modo importante, i frutti di un ...

Covid – 19 Pago Veiano piange la morte della signora Giorgina De Palma

Covid – 19 Pago Veiano piange la morte della signora Giorgina De Palma

Tristezza e rassegnazione tra la collettività locale. La solidarietà del ...

Covid, al San Pio eccertato un nuovo caso di positività

L’A.O.R.N. “San Pio” ha processato in data odierna 120 tamponi, ...

Ordinanza Centro storico, vietata la vendita di bevande in vetro o lattine metalliche

Le stesse potranno essere somministrate solo in appositi bicchieri monousoBenevento  ...

“1989 – 30 anni dalla caduta del muro“, la mostra allestita al “De La Salle” è stata inaugurata questa mattina

07/03/2019
By

Il taglio del nastro è stato del console tedesco in Italia Giovanni Caffarelli.

Trentacinque pannelli opera del fumettista tedesco Henning Wagenbreth raffiguranti intolleranza, diffidenza e paura sono in mostra da oggi fino al 23 Marzo, visitabile dal lunedì al venerdi dalle ore 9,00 ale ore 17,00 ed il sabato dalle 9,00 all 12,00 all’Istituto “De La Salle” di Benevento.  La mostra è stata realizzata dal Goethe Institute di Roma in collaborazione con la Scuola Superiore Internazionale per Mediatori Linguistici dell’Università “Giustino Fortunato”.

Il tema della mostra è anche affronatto in 10 libri di diversi scrittori : “L’uomo che aveva paura del genere umano” di Andrea Camilleri, l’”Uomo che non amava il proprio lavoro” della polacca Olga Tokarczuk,  “Giovannino e il re” del ceco Jiri Kratochvil, “Il Muro Bianco” della russa Ljudmila Petrusevskaja,  “A prezzo d’occasione” dell’ungherese Miklos Vamos,  “Il muro di Natale” del francese Didier Daeninckx, “Quasi una fabia” del tedesco Ingo Schulze,  “Anche i bambini sono dei civili” del tedesco Einrich Boell , “Il muro e le stelle” dello spagnolo Elia Barcelò  e “L’ebreo andorrano” dello svizzero Max Frisch.

Diversi gli spunti di riflessione offerti dalle opere suindicate che servono anche per mantenere viva la memoria nelle nuove generazioni come ha spiegato la dirigente dell’istituto paritario, Maria Buonaguro. Questo anche perchè, ha aggiunto il prof. Paolo Palummo, esistono nel mondo ancora muri visibili e invisibili.

Diverse le scolaresche che hanno assistito all’incontro che si è tenuto nell’Aula Magna della Madonna delle Grazie che si è aperto sulle note degli inni nazionali tedesco e italiano.

 

 

 

 

 

 

Tags: