lunedì 8 Agosto 2022 De Lorenzo : “Mio malgrado devo ritornare sulla vicenda tubercolosi” | infosannionews.it lunedì 8 Agosto 2022
Smooth Slider
Elezioni 2022: pubblicato provvedimento per indirizzo generale e vigilanza dei servizi radiotelevisivi

Elezioni 2022: pubblicato provvedimento per indirizzo generale e vigilanza dei servizi radiotelevisivi

Si informa che nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – ...

Spopolamento aree interne: Telese Terme in controtendenza

Spopolamento aree interne: Telese Terme in controtendenza

In 2 anni oltre 100 residenti in più. In controtendenza ...

Valle Caudina, il 10 agosto una serata dedicata a Gigi Proietti

Nell’ambito della rassegna “Opulentia” Carlotta, figlia dell’attore romano, presenterà "Ndo ...

Forza Italia Montesarchio. Domani 9 Agosto vertice organizzativo della dirigenza

Si terrà domani sera a Montesarchio, alle ore 20.00, presso ...

Il festival “Riverberi” chiude i battenti stasera nella panoramica frazione Montorsi di Sant’Angelo a Cupolo

Il festival “Riverberi” chiude i battenti stasera nella panoramica frazione ...

Stampa articolo Stampa articolo

De Lorenzo : “Mio malgrado devo ritornare sulla vicenda tubercolosi”

27/05/2012
By

Il dottor De Lorenzo ha inviato una nota in redazione nella quale scrive che suo malgrado non può mantenere i patti  concordati con Nicola Boccalone  Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Rummo.

Scrive il professionista : “Si era convenuto di far cadere il silenzio sulla vicenda tubercolosi, anche a seguito di un colloquio avuto con il Direttore Generale dell’A.O. “Rummo”di Benevento, Nicola Boccalone, nell’attesa che determinati chiarimenti avvenissero. Mio malgrado, sono costretto a non mantenere, pur se con non poche difficoltà, i patti. Ripeto, e sia ben chiaro, non per mia volontà.

Infatti, prendo atto che gli stessi autori, pilotati dietro le quinte, dalla solita mano, nell’ambiente nota ai più, che cercarono di colpirmi, non riuscendoci, nel 2003, quando fui recluso in un corridoio ed, ancora più marcatamente, nel 2009, quando, anche se da solo, con la collaborazione preziosa del Procuratore della Repubblica di Napoli ed il Comando dei Carabinieri di Caserta si giunse allo
smantellamento dell’intera Asl beneventana, oggi, non conoscendo i veri risvolti della vicenda, interpretando le disattente notizie fornite da Boccalone, cercano, ancora una volta, di intervenire.

Senza entrare nei dettagli e leggendo il farneticante comunicato dell’associazione “Lenzuoli Bianchi”, forte e sicuro del mio operato, cristallino ed inoppugnabile, domani mattina, presenterò querela nei confronti del Presidente dell’associazione stessa, con la speranza che, questa volta, la Procura vada fino in fondo e non provveda, come fu allora, ad archiviare. E’ imperdonabile che, dinanzi a problematiche sì gravì, c’è chi, ogni volta, per ben altre motivazioni, si inserisca in situazioni oltremodo serie. Questo ultimo atto, qualora ce ne sia bisogno, dimostra a chiare lettere che si tenta in ogni modo di farmi pagare il pormi contro un sistema di potere che non è più tollerabile. Per questo, non mi è possibile abbassare la guardia. Ed è ben strano che lo stesso autore, in privato, mi scriva
lettere di compiacienti quando un suo stretto congiunto è stato ricoverato presso l’SPDC. E’ vero che siamo in psichiatria, ma qui sono cose da pazzi. Veramente da pazzi. Quella lettera in settimana la presenterò alla città. Giuseppe De Lorenzo”

Stampa articolo Stampa articolo