martedì 21 Settembre 2021 Stregati da Sophia. Un appuntamento dedicato al grande Totò “il principe della risata” | infosannionews.it martedì 21 Settembre 2021

Smooth Slider

Da giovedì 23 settembre anche a Telese Terme il mercato di Campagna Amica 

Da giovedì 23 settembre dalle ore 8.00 alle 13.30, e ...

Il Benevento soffre ma quando entra Lapadula dilaga: Benevento 4 Cittadella 1

Benevento (4-3-3): Paleari; Letizia, Glik, Barba, Foulon; Ionita, Calò, Acampora; ...

Elezioni Pietrelcina,primo comizio pubblico del candidato sindaco Alessio Scocca

Entra nel vivo la campagna elettorale a Pietrelcina, con il ...

Notte delle Streghe: successo di pubblico senza precedenti

Successo di pubblico per la nona edizione della ‘Notte delle ...

Giornate Europee del Patrimonio: al Museo del Sannio un appuntamento in più

Le prenotazioni nell'ambito delle "Giornate Europee del Patrimonio” per le ...

Dissesto, Perifano: “Mastella non vuole chiarire? È un altro schiaffo alla Città”

Dissesto, Perifano: “Mastella non vuole chiarire? È un altro schiaffo alla Città”

“Mi aspettavo che da palazzo Mosti giungessero parole chiare sui ...

Stregati da Sophia. Un appuntamento dedicato al grande Totò “il principe della risata”

07/02/2018
By

Antonio De Curtis,il principe della risata, in arte Totò. Il grande attore, poeta, comico e filosofo napoletano raccontato al Teatro Massimo di Benevento nell’appuntamento dedicato al grande attore della quarta edizione del Festival di Filosofico del Sannio organizzato dall’associazione culturale filosofica Stregati da Sophia. Ad introdurre e moderare l’incontro, la giornalista Titta Fiore e la professoressa Carmela D’Aronzo.

Al grande appuntamento oltre i tanti studenti hanno partecipato al dibattito il filosofo e critico cinematografico Roberto Escobar  con la nipote dell’attore, Elena De Curtis, alla presenza del sindaco Mastella e della grande attrice Lina Sastri.

Ad emergere la filosofia di vita di totò che aveva anticipato in chiave ironica i tempi.La risata come antitodo contro l’alienazione.La famosissima maschera napoletana di Totò, aveva dietro, avanti, sopra e dentro di sé un grande genio creativo ed un uomo di eccezionale sensibilità e di intenso spessore culturale. Il professore  Escobar così si è espresso : “Due opposti che si implicano; un racconto continuo che si trasferisce da generazione in generazione; un eroe del mito, il vero comico che è l’invece comico perchè dentro ha qualcosa di tragico e lo nasconde mettendo in scena quella finta felicità e falsa allegria”.

La nipote Elena De Curtis ne ricorda alcuni aspetti, di come fosse  “Un gran sentimentale, malinconico e innamorato della sua Napoli, del Rione Sanità, della vita. Ha sempre deriso le situazioni più tragiche come la morte. Lui la guarda sotto un altro aspetto e ti fa ridere. Nel suo tempo già considerava tante cose delle schifezze, penso che se avesse visto i social network ne avrebbe ritrovate molte di più”.

Lina Sastri ha omaggiato  “il principe” leggendone alcuni scritti e cantando “Malafemmena” uno dei suoi capolavori.

Al termine dell’incontro c’è stata l’inaugurazione della mostra fotografica “La filosofia di vita di Totò” alla Biblioteca Provinciale di Benevento.

servizio e foto Remi

foto Emilio Spiniello

 

 

Tags: