mercoledì 17 Aprile 2024 Giovanni D’Aronzo. Partito Socialista italiano: L’attentato di Brindisi un gesto vile ed efferato. | infosannionews.it mercoledì 17 Aprile 2024
In evidenza

Siamo Forchia, ecco Agostino Verlezza 

Continua la cavalcata di “Siamo Forchia”, gruppo facente capo al ...

San Giorgio del Sannio, Gerardo Campana aderisce a Forza Italia

Gerardo Campana è il volto dell'imprenditoria dinamica e dello spirito ...

Filosofia e danza “ il Linguaggio della danza è: espressione, sensazione, emozione”

Giovedi 18 Aprile 2024 alle ore 18,30 presso il Teatro ...

Elezioni europee. Provvedimenti in materia di comunicazione politica

Elezioni europee. Provvedimenti in materia di comunicazione politica

Elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia di sabato ...

Civico22 sulla sospensione delle attività didattiche del plesso centrale della “Sant’Angelo a Sasso”

Civico22 sulla sospensione delle attività didattiche del plesso centrale della Sant'Angelo a Sasso

Benevento - "Ci duole ritornare sempre sullo stesso punto, ma ...

Stampa articolo Stampa articolo

Giovanni D’Aronzo. Partito Socialista italiano: L’attentato di Brindisi un gesto vile ed efferato.

20/05/2012
By

L’attentato di Brindisi suscita orrore e angoscia, è una ferita inferta all’Italia.

Giovanni D'Aronzo Delegato nazionale PSI

Lo dice Giovanni D’Aronzo delagto nazionale del Psi, commentando l’attentato avvenuto nei pressi dell’Istituto professionale “Morvillo e Falcone” di Brindisi. “Un atto vile ed efferato –continua il delegato del Psi –  voglio esprimere tutta la mia vicinanza e quella dei socialisti di Benevento alla famiglia della giovane Melissa e alla città di Brindisi.

Lo Stato, agisca con risolutezza per individuare i responsabili dell’accaduto.
Provo rabbia e sgomento. Oggi – continua D’Aronzo – è un giorno triste per tutti noi”.
“e’ adir poco sconvolgente. La morte di una ragazza di 16 anni che si stava recando a scuola  e i numerosi feriti causati dall’esplosione ci lascia sgomenti. Intanto va sottolineato che  da un lato attaccare una scuola vuol dire attentare all’istruzione, ai giovani e dunque al futuro del nostro Paese; dall’altro la storia recente dell’Italia dimostra che in momenti di evidente fragilita’ istituzionale ed economica, mafie, criminalita’e terrorismo ne approfittano per colpire.

Stampa articolo Stampa articolo