martedì 21 Settembre 2021 Comitato Sannita Acqua Bene Comune : “Disappunto per quanto sta accadendo sul tema della privatizzazione” | infosannionews.it martedì 21 Settembre 2021

Smooth Slider

Da giovedì 23 settembre anche a Telese Terme il mercato di Campagna Amica 

Da giovedì 23 settembre dalle ore 8.00 alle 13.30, e ...

Il Benevento soffre ma quando entra Lapadula dilaga: Benevento 4 Cittadella 1

Benevento (4-3-3): Paleari; Letizia, Glik, Barba, Foulon; Ionita, Calò, Acampora; ...

Elezioni Pietrelcina,primo comizio pubblico del candidato sindaco Alessio Scocca

Entra nel vivo la campagna elettorale a Pietrelcina, con il ...

Notte delle Streghe: successo di pubblico senza precedenti

Successo di pubblico per la nona edizione della ‘Notte delle ...

Giornate Europee del Patrimonio: al Museo del Sannio un appuntamento in più

Le prenotazioni nell'ambito delle "Giornate Europee del Patrimonio” per le ...

Dissesto, Perifano: “Mastella non vuole chiarire? È un altro schiaffo alla Città”

Dissesto, Perifano: “Mastella non vuole chiarire? È un altro schiaffo alla Città”

“Mi aspettavo che da palazzo Mosti giungessero parole chiare sui ...

Comitato Sannita Acqua Bene Comune : “Disappunto per quanto sta accadendo sul tema della privatizzazione”

16/12/2017
By

Il Comitato Sannita Acqua Bene Comune, che ha ripreso le attività sul territorio grazie anche allo sprone e al supporto di Padre Alex Zanotelli e del Coordinamento Campano per l’Acqua Pubblica, esprime un profondo disappunto per quanto sta accadendo sia a livello nazionale che locale sul tema della privatizzazione dell’acqua.


E’ inaccettabile, infatti, continua il Comitato,  l’emendamento alla legge di stabilità 2018 approvato dalla Commissione Bilancio della Camera che consente ai Comuni che privatizzano i servizi (acqua, trasporti, rifiuti, energia), di poter utilizzare gli introiti derivanti dalla vendita di beni immobiliari e mobiliari per abbattere il debito, e, in questo modo, creare nuovi spazi di spesa corrente.
Tale emendamento è ancor più inaccettabile perché questa linea, portata avanti anche dal precedente Governo (la legge di Stabilità 2015, infatti, ha incentivato i Comuni a privatizzare i servizi pubblici a rete, acqua inclusa, attraverso sconti sul Patto di Stabilità interno), tende chiaramente a proporre soluzioni appetibili per i Comuni in difficoltà a patto, però, di utilizzare la gestione privata dei servizi.
In direzione della privatizzazione pare si muova anche Gesesa, gestore del servizio idrico per il Comune di Benevento, che ha espresso la volontà di aumentare il proprio capitale attraverso l’emissione di 1.000 nuove partecipazioni azionarie. Queste partecipazioni sono, con buona probabilità, rivolte ai numerosi Comuni del distretto idrico Calore Irpino (una quarantina), previa la rinuncia dei soci al diritto di opzione di loro spettanza (a partire dal Comune di Benevento).
Secondo Gesesa questa scelta è necessaria “per dare attuazione ad una strategia operativa preordinata al potenziamento della società e all’ottimizzazione delle risorse e delle dinamiche tese al perseguimento degli obiettivi imprenditoriali”.
Probabilmente, invece, aumentare il numero dei Comuni soci può essere utile a Gesesa per competere con Alto Calore per la gestione dell’acqua in Campania.
E Gesesa, lo ricordiamo, è controllata al 58% da ACEA, la quale a sua volta è partecipata al 51% del Comune di Roma ma, per la restante parte, è sotto il controllo del gruppo Caltagirone e della multinazionale francese SUEZ.
E’ evidente che tutto ciò va contro gli esiti del referendum sull’acqua pubblica del 2011, con il quale 26 milioni di italiani hanno votato perché l’acqua uscisse dal mercato e la gestione del servizio idrico rimanesse totalmente pubblica.
Per tutti questi motivi, il Comitato Sannita Acqua Bene Comune si impegna a portare avanti sul territorio attività d’informazione sulla questione della privatizzazione dell’acqua e dei servizi in generale, nonché tutte le azioni pacifiche di resistenza e di pressione democratica sulle Istituzioni, affinché venga rispettato l’esito del Referendum del 2011 e venga posto un freno ai tentativi di privatizzazione dell’acqua nel Sannio.
Papa Francesco ha sintetizzato in maniera mirabile questo problema nella sua Enciclica Laudato Si’, dove al capitolo I (La questione dell’acqua) dice testualmente: “Mentre la qualità dell’acqua disponibile peggiora costantemente, in alcuni luoghi avanza la tendenza a privatizzare questa risorsa scarsa, trasformata in merce soggetta alle leggi del mercato.”
“Si può diventare legalmente padroni dell’acqua, ma non se ne può essere eticamente padroni, dal momento che l’acqua è un bene da cui dipende l’esistenza dell’umanità”, ha affermato in un recente incontro, Padre Zanotelli e su queste basi il Comitato vuole lavorare perché nasca nel Sannio una  grande mobilitazione popolare per l’acqua bene comune.

Tags: