mercoledì 17 Aprile 2024 Fausto Pepe interroga il segretario generale ed il dirigente alla Finanze sullo stato di salute dei conti dell’ente | infosannionews.it mercoledì 17 Aprile 2024
In evidenza

Siamo Forchia, ecco Agostino Verlezza 

Continua la cavalcata di “Siamo Forchia”, gruppo facente capo al ...

San Giorgio del Sannio, Gerardo Campana aderisce a Forza Italia

Gerardo Campana è il volto dell'imprenditoria dinamica e dello spirito ...

Filosofia e danza “ il Linguaggio della danza è: espressione, sensazione, emozione”

Giovedi 18 Aprile 2024 alle ore 18,30 presso il Teatro ...

Elezioni europee. Provvedimenti in materia di comunicazione politica

Elezioni europee. Provvedimenti in materia di comunicazione politica

Elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia di sabato ...

Civico22 sulla sospensione delle attività didattiche del plesso centrale della “Sant’Angelo a Sasso”

Civico22 sulla sospensione delle attività didattiche del plesso centrale della Sant'Angelo a Sasso

Benevento - "Ci duole ritornare sempre sullo stesso punto, ma ...

Stampa articolo Stampa articolo

Fausto Pepe interroga il segretario generale ed il dirigente alla Finanze sullo stato di salute dei conti dell’ente

20/01/2017
By

Fausto Pepe attacca la maggioranza entrando nel “tecnico” della questione chiedendo risposte a ben 11 quesiti in modo da far luce sulle ragioni che hanno portato al dissesto.

Questa la richiesta :

“Al Segretario Generale
Al Dirigente Finanze
SEDE

Il sottoscritto Ing. Fausto Pepe, quale amministratore dell’Ente e nelle proprie funzioni,
atteso
• che il Comune di Benevento è andato in dissesto con una delibera votata dalla sola maggioranza in data 11/01/2017;
• che precedentemente lo stesso Comune aveva aderito ad un piano di rientro regolarmente depositato presso il Ministero degli Interni e la Corte dei Conti;
CHIEDE di conoscere
1. Quanti debiti fuori bilancio sono stati pagati dall’Ente nel quinquennio 2011-2016;
2. Quanti fondi sono stati richiesti ed ottenuti con il D.L. 35/2013 e con altri fondi della CCDDPP sempre per il pagamento del debito;
3. Di quanti anni e di quale rata è il mutuo per il rientro di questi prestito;
4. Di quanti anni e di quale rata è il mutuo per il rientro del cosiddetto disavanzo tecnico di circa 34 Ml euro;
5. Quanti sono i debiti fuori bilancio ad oggi riconosciuti e non pagati;
6. Quanti sono i debiti fuori bilancio ad oggi certi, liquidi ed esigibili non ancora riconosciuti;
7. Quant’è in totale l’ammontare del debito certo, liquido ed esigibile di terzi, cui non si è potuto validamente far fronte secondo le modalità previste dalla norma, non ultimo il Piano di rientro che doveva obbligatoriamente essere presentato entro il 15/11/2016, il tutto sino alla data del dissesto del 11/01/2017 secondo l’art. 244 TUEL;
8. Quali sono le funzioni e/o i servizi indispensabili che L’Ente non ha potuto garantire fino alla data del dissesto del 11/01/2017 secondo l’art. 244 TUEL;
9. Quant’è l’ammontare del gettito TARI anni 2015 e 2016;
10. Quant’è la capacità di indebitamento residuale dell’Ente sino alla data del 11/01/2017;
11. Quant’è l’ammontare degli introiti delle vendite patrimoniali legate al piano di rientro per l’anno 2014, 2015,2016;
Distinti saluti.
Stampa articolo Stampa articolo

Tags: