lunedì 8 Agosto 2022 Vallone : ci siamo caratterizzati per serenità d’intenti e concretezza | infosannionews.it lunedì 8 Agosto 2022
Smooth Slider
Elezioni 2022: pubblicato provvedimento per indirizzo generale e vigilanza dei servizi radiotelevisivi

Elezioni 2022: pubblicato provvedimento per indirizzo generale e vigilanza dei servizi radiotelevisivi

Si informa che nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – ...

Spopolamento aree interne: Telese Terme in controtendenza

Spopolamento aree interne: Telese Terme in controtendenza

In 2 anni oltre 100 residenti in più. In controtendenza ...

Valle Caudina, il 10 agosto una serata dedicata a Gigi Proietti

Nell’ambito della rassegna “Opulentia” Carlotta, figlia dell’attore romano, presenterà "Ndo ...

Forza Italia Montesarchio. Domani 9 Agosto vertice organizzativo della dirigenza

Si terrà domani sera a Montesarchio, alle ore 20.00, presso ...

Il festival “Riverberi” chiude i battenti stasera nella panoramica frazione Montorsi di Sant’Angelo a Cupolo

Il festival “Riverberi” chiude i battenti stasera nella panoramica frazione ...

Stampa articolo Stampa articolo

Vallone : ci siamo caratterizzati per serenità d’intenti e concretezza

29/05/2016
By

Ci stiamo avviando alla conclusione di questa campagna elettorale e ciò che ha contraddistinto la lista “Sfidiamoli” rispetto alle altre è stata, finora, la serenità d’intenti, la concretezza e soprattutto nessuna esigenza di ricorrere a mezzucci peraltro obsoleti come la riapertura di cantieri strategici proprio durante la campagna elettorale, scrive Ciro Vallone.

ciro vallone

A questo sta ricorrendo l’amministrazione uscente, sta sparando le ultime cartucce, utilizzando le ultime risorse. In una città che cola a picco, il cui sviluppo è impedito dai giochi di potere e dagli intrighi di palazzo.

Come mai fino a qualche settimana fa i cantieri erano “addormentati” mentre ora sembrano la priorità assoluta da affrontare?

Davvero l’amministrazione uscente crede che i beneventani abbiano l’anello al naso? La nostra gente è consapevole che la città sta affondando sempre più ed è stanca di assistere a commedie.

Forse la diarchia Pepe – Del Vecchio non ha valutato l’effetto boomerang: non si aumenta il consenso con un’impalcatura o con l’asfalto nelle buche, né si può recuperare in poche settimane un disastro perpetrato ai nostri danni per un decennio. Per non entrare nel merito del fatto che sottostante la gestione dei cantieri non vi è un’idea forte di pianificazione complessiva e sostenibile.

Quando saremo noi a Palazzo Mosti (anzi a Palazzo Paolo V) la musica cambierà e bisognerà far vedere ai cittadini non solo cantieri ma che l’Amministrazione è attiva e rivolta al benessere di tutti.

Stampa articolo Stampa articolo

Tags: