lunedì 27 gennaio 2020 Città del Vino: il piano regolatore di Castelvenere risulta essere il migliore | infosannionews.it lunedì 27 gennaio 2020
In evidenza

Ancora una giornata pro-Benevento. Salgono a 16 i punti di vantaggio sulla terza.

Si avvia alla conclusione la 2° giornata di ritorno della ...

Calvi, si suicida 73enne

Calvi, si suicida 73enne

L'uomo si è impiccato ad una trave. In Viale Europa , ...

Di Dio : ” Febbraro critica per il semplice gusto di farsi pubblicità”

Di Dio : Febbraro critica per il semplice gusto di farsi pubblicità

Italio Di Dio risponde a muso duro a Alberto Febbraro ...

AltraBenevento : “Il teatrino di Mastella per decidere le alleanze.”

AltraBenevento : Il teatrino di Mastella per decidere le alleanze.

"Mastella dopo le indagini della magistratura su voti di scambio ...

Callaro : “Distrutta la cassetta postale della panchina rossa. Sono dispiaciuta e rammaricata”

Callaro : Distrutta la cassetta postale della panchina rossa. Sono dispiaciuta e rammaricata

"Questa notte un atto vandalico ha distrutto la cassetta postale ...

Città del Vino: il piano regolatore di Castelvenere risulta essere il migliore

06/11/2013
By

E’  risultato di Castelvenere “il Miglior Piano Regolatore delle Città del Vino 2013”. Al n.1 per l’approccio innovativo alla pianificazione urbanistica, lo sviluppo sostenibile e la valorizzazione del paesaggio viticolo e rurale. Con il suo Piano Urbanistico, questo comune di 2500 anime della Valle Telesina, vince il Concorso “Il Miglior Piano Regolatore delle Città del Vino 2013”, promosso dalle Città del Vino e di scena oggi a Torino ad “Urbanpromo”, l’evento di marketing urbanistico e territoriale dell’Inu-Istituto nazionale di urbanistica.

Castelvenere

Per l’Associazione Nazionale delle Città del Vino: “Il Piano Regolatore delle Città del Vino non è solo lo strumento principe della pianificazione territoriale di un territorio comunale, ma è sempre più un elemento fondamentale per conoscere, promuovere e valorizzare il patrimonio materiale e immateriale di una comunità, regolarne l’uso e la sua sostenibilità”. “Castelvenere – afferma Pietro Iadanza, Presidente delle Città del Vino – ha saputo riprogettare i propri spazi senza dimenticare la sua vocazione vitivinicola ribadendo l’importanza del vino come patrimonio storico ed economico di una comunità. E’ la prima volta che un comune del Sud vince questo concorso. Un successo per il Mezzogiorno grazie alle Città del Vino che attesta la sempre minor distanza, in fatto urbanistico, tra Nord e Sud Italia”. Il secondo posto se lo aggiudica il Comune di San Pietro di Feletto, in provincia di Treviso, nel cuore delle colline del Prosecco. Nel suo Piano di Assetto del Territorio, oltre a ribadire il ruolo determinante delle aree vitivinicole nella caratterizzazione del paesaggio agrario, emerge un altro aspetto interessante: il rapporto tra insediamenti collinari storici e forme di espansione residenziali, nonché quello tra vigneti ed abitazioni. Al n.3 c’è, invece, il Comune di Frisa, in provincia di Chieti, con il Piano Regolatore Esecutivo in cui la cantina sociale diventa polo socio-economico e territoriale. Menzione speciale va al Comune di Tollo, sempre in provincia di Chieti. “Il piano risulta particolarmente interessante, soprattutto – afferma l’associazione Città del Vino – per i criteri che si rifanno alla metodologia del Piano Regolatore delle Città del Vino, con un’approfondita e pertinente zonazione vitivinicola”. A decretare la classifica dei migliori strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica (piano territoriale di coordinamento o progetto di area vasta, piano intercomunale, piano regolatore, piano strutturale o strumenti analoghi di pianificazione generale) delle Città del Vino, una giuria di esperti del mondo agronomico, paesaggistico, di pianificazione urbanistica, architettura del vino e marketing territoriale, da Guido Ferrara, architetto del paesaggio ad Alessandro Bracchini, architetto urbanista; da Stefano Stanghellini, docente di Estimo presso l’IUAV di Venezia ad Attilio Scienza, docente di Viticoltura presso l’Università di Milano; da Antonio Fassone, architetto specializzato in Architettura del Vino a Valeria Lingua, docente di Gestione Urbana presso l’Università di Firenze insieme al Presidente delle Città del Vino: Pietro Iadanza e al direttore delle Città del Vino: Paolo Benvenuti.

Print This Post Print This Post

Tags:

             

Il Campionato del Benevento Calcio

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Atelier Pantheon

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio