venerdì 29 Maggio 2020 Problematica Rifiuti : il capo della Protezione Civile diffida il Comune di Telese Terme | infosannionews.it venerdì 29 Maggio 2020
Smooth Slider
Centro Democratico. Anna Orlando : “Voglio essere a disposizione della mia città”

Centro Democratico. Anna Orlando : Voglio essere a disposizione della mia città

Onorata della fiducia del partito e grata ai tanti cittadini ...

Azienda Ospedaliera San Pio. Un nuovo soggetto positivo

Azienda Ospedaliera San Pio. Un nuovo soggetto positivo

L’A.O.R.N. “San Pio” ha processato oggi nr. 120 tamponi, dei ...

Mastella dona caschi di ventilazione al San Pio. Ferrante : "Noi operativi da subito"

Mastella dona caschi di ventilazione al San Pio. Ferrante : Noi operativi da subito

Mastella ha consegnato questa mattina 100 caschi di ventilazione al ...

Allerta meteo gialla dalle 18: temporali su tutta la regione fino a sabato sera

Allerta meteo gialla dalle 18: temporali su tutta la regione fino a sabato sera

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un’allerta meteo con criticità idrogeologica di colore ...

San Lorenzo Maggiore, tre guariti, ma spunta un nuovo caso di contagio.

San Lorenzo Maggiore, tre guariti, ma spunta un nuovo caso di contagio.

San Lorenzo Maggiore  – Con un messaggio via social  l’amministrazione ...

Problematica Rifiuti : il capo della Protezione Civile diffida il Comune di Telese Terme

14/10/2013
By

Nel manifesto affisso in questi giorni sulla problematica dei rifiuti l’Amministrazione Comunale ha comunicato alla cittadinanza che il Capo dell’Unità Tecnica Amministrativa del Dipartimento della Protezione Civile ha diffidato il Comune di Telese Terme affinché saldi il suo debito pregresso.

Telese Terme

Nel dettaglio si precisa che tra il 15/12/2005 e il 31/12/2009 il Comune di Telese Terme ha smaltito i rifiuti senza pagare, perché sugli oltre 800 mila euro di smaltimenti, 174 mila euro sono stati pagati nel 2009, 335 mila li ha pagati l’attuale Amministrazione negli anni 2010-2011 e oggi, a saldo del dovuto, sono stati chiesti i restanti 330 mila euro.
Di conseguenza dal 2005 al 2009 chi ha amministrato ha lasciato un debito insoluto di circa 665 mila euro solo per gli smaltimenti.
A tali cifre vanno poi sommati ulteriori 800 mila euro che l’Amministrazione Comunale sta pagando al gestore privato per spazzamento, raccolta e trasporto erogati negli anni precedenti all’insediamento dell’Amministrazione in carica.
Tali cifre poi vanno sommate al decreto ingiuntivo del settembre 2008 con cui il Consorzio BN2 reclama pagamenti insoluti per euro 274.755,34. In attesa di una soluzione di tale vicenda, si pagano comunque gli avvocati.
Altri 250 mila euro il Comune li ha già sborsati per un’isola ecologica che non potrà mai essere realizzata, per la quale la Regione nel 2009 revocò anche il contributo di euro 200 mila. In questi mesi i Consorzi Nazionali che trattano le varie matrici di rifiuti differenziati (legno, imballaggi, carta, vetro, alluminio, pile,etc.) stanno dando soldi ai Comuni che hanno le isola ecologiche attive, in modo da incentivare il riciclo.
E’ evidente che, di conseguenza, aumenta il divario di Telese da altre comunità e aumentano le difficoltà per evitare la crescita dei costi, già rilevanti, a causa dell’introduzione da parte del Governo, della TARES.
Gli Amministratori dell’epoca sono gli stessi che oggi, dall’opposizione, chiedono di diminuire il costo dei tributi sui rifiuti.
Questo è l’obiettivo che l’Amministrazione Comunale cercherà di raggiungere nonostante il grave peso di alcune vicende che ricadono sui cittadini e sull’Amministrazione.

Print This Post Print This Post

Tags: ,