sabato 25 gennaio 2020 Viespoli : Il territorio di Benevento è stato ed è aggredito dalla costruzione di elettrodotti di alta tensione, tant’è che alcuni significativi interventi sono tuttora in corso. | infosannionews.it sabato 25 gennaio 2020
In evidenza
Pari Opprtunità, Callaro e Russo: “Da oggi al via richieste per parcheggi rosa”

Pari Opprtunità, Callaro e Russo: Da oggi al via richieste per parcheggi rosa

Benevento - La consigliera delegata alle pari opportunità Patrizia Caldaro ...

Sant'Angelo a Cupolo. Problemi all'impianto di conferimento sospesa la raccolta dell'organica

La frazione umida non verrà ritirata nè domani sabato 25 ...

Valorizzazione dei prodotti agricoli.Di Maria: l'agricoltura elemento trainante dell’economia sannita

Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha ...

La SSML celebra la Giornata della Memoria: “Primo Levi davanti all’assurdo”

In occasione della Giornata della Memoria e del Centenario della ...

Accrocca ai giornalisti : Informazione limpida e comunicazione trasparente

Nella sala verde del palazzo arcivescovile di Benevento mons. Felice ...

Domenica 26 Gennaio Prevenzione Sanitaria Gratuita Senologica

Il prossimo 26 gennaio , dalle ore 15:00 alle ore ...

Viespoli : Il territorio di Benevento è stato ed è aggredito dalla costruzione di elettrodotti di alta tensione, tant’è che alcuni significativi interventi sono tuttora in corso.

21/06/2013
By

 

 Ed è auspicabile che sul realizzato e sul realizzando sia attiva, vigile e costante l’azione di monitoraggio e di verifica dei limiti e delle norme a tutela della salute. E’ noto, infatti, quanto siano dannosi i campi elettromagnetici generati dagli elettrodotti.

L’Agenzia internazionale per la ricerca mondiale sul cancro dell’Oms, nel giugno 2001, ha classificato “cancerogeno” il campo magnetico da elettrodotto «per l’induzione della leucemia nei bambini per esposizioni a carattere residenziale superiori a 0,4 microTesla».

Ai fini della protezione della popolazione, è indispensabile perseguire gli obiettivi di qualità previsti nella legge 22 febbraio 2001 n. 36 che, all’articolo 8, comma 6, prevede testualmente: “I Comuni possono adottare un regolamento per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli  impianti e minimizzare l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici”.

Senza regolamentazione, e senza una capacità alta di confronto-scontro con Terna, il territorio è ancora più fragile, sostanzialmente indifeso, e a rischio di ulteriori aggressioni, soprattutto quando, come nel caso di Benevento, svolge una funzione geostrategica fondamentale. Ed è esattamente quello che sta accadendo o che si profila, nel silenzio inconsapevole o colpevole.

Il Piano 2012 di sviluppo della Rete di trasmissione nazionale, presentato da Terna e in corso di approvazione al Ministero dello Sviluppo economico, prevede, infatti, la realizzazione di “una nuova stazione 380/150 kV denominata Benevento III da raccordare alla RTN (Rete di trasmissione nazionale) mediante dei raccordi 380 kV al costruendo elettrodotto Benevento II – Foggia”.

Si tratta di un intervento posizionato in una contrada cittadina, a forte vocazione agricola, e riguarda una superficie pari a circa 5 ettari, più o meno, l’estensione di 10 campi di calcio regolamentari.

Governare significa guidare i processi e le scelte, anche le più difficili, nella trasparenza e con la partecipazione popolare. Su una questione di tale rilevanza, è doveroso chiedersi: ci sono stati interventi, si sono prodotte osservazioni, è stato redatto il Regolamento di cui alla legge 36/2001, c’è qualche previsione nel Puc, è stato aperto un dibattito pubblico?

Temiamo che le risposte siano tutte negative. Tuttavia ci auguriamo, mai come in questo caso, di essere smentiti e contraddetti.

Print This Post Print This Post

Tags: ,

             

Il Campionato del Benevento Calcio

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Atelier Pantheon

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio