sabato 24 agosto 2019 MODELLO DI SVILUPPO “SANNIO” : Costruzione di una filiera agroalimentare e turistica “Valle Vitulanese”. | infosannionews.it sabato 24 agosto 2019
In evidenza

Benevento, pista ciclopedonale. Podisti e ciclisti segnalano la totale assenza di fontane

La  pista ciclopedonale “Paesaggi Sanniti” in località Pantano di Benevento, ...

Pietrelcina. La scomparsa di Carmine Montella: la vicinanza dell’intero paese

Pietrelcina. La scomparsa di Carmine Montella: la vicinanza dell'intero paese

L'illustre studioso e scrittore lascia un vuoto incolmabile nella comunità ...

Pesco Sannita. Strada di collegamento centro urbano e i comuni di Pietrelcina e Benevento: pronti circa 2 milioni di euro

Pesco Sannita. Strada di collegamento centro urbano e i comuni di Pietrelcina e Benevento: pronti circa 2 milioni di euro

Una cifra considerevole ottenuta dall'amministrazione comunale che premia l'operato del ...

Angela Russo (Mderati). Dopo apertura Ponte Tibaldi, necessarie azioni per maggiore sicurezza Via Piccinatoa

  Il traffico intenso ha causato numerosi incidenti. Con riapertura delle ...

San Giorgio La Molara. Domenica 1° Settembre, II Festa della Transumanza

Domenica primo settembre si terrà la II Festa della Transumanza. ...

Permesso speciale per la sosta dei portatori di handicap

Permesso speciale per la sosta dei portatori di handicap

Il comune di Benevento comunica che, in occasione della 40^ ...

MODELLO DI SVILUPPO “SANNIO” : Costruzione di una filiera agroalimentare e turistica “Valle Vitulanese”.

16/02/2013
By

La proposta di sviluppo approntata dai Circoli del PD della Valle Vitulanese, vuole, in qualche modo, stimolare nella popolazione della Valle, un dibattito, sulle politiche da mettere in campo che permette uno sviluppo del nostro territorio, compatibile e rispettoso dei  valori ed elementi connotativi da preservare, che lo contraddistinguono e lo rendono unico.

Secondo il circolo del Partito Democratico della Valle Vitulanese  l’area appunto denominata “Valle Vitulanese”, in primis deve essere considerata e vista in un ambiente di area territoriale vasta quale il “Sannio”. Il Sannio, deve comprende al suo interno, delle macro aree – Valle Vitulanese, Valle telesina, Valle Caudina , Valle del Fortore ecc. – , al fine di  realizzare una rete provinciale di territori in cui la promozione turistica vada di pari passo con la sostenibilità ambientale, con l’offerta dei prodotti tipici e la messa a rendita delle bellezze ambientali e le valenze architettoniche – una per tutte S. Maria in GRUPTIS – e paesaggistiche ricomprese nell’area Parco Taburno Camposauro  per fare un turismo intelligente  di qualità e non di massa.

E’ pertanto utile pensare di organizzare delle cabine di regia, che favoriscano l’incontro tra pubblico e privato, in grado di sostenere e orientare l’attività turistica attraverso la formazione di operatori locali, la costituzione di siti web dediti alla promozione di beni e prodotti , all’informazione e alla messa in rete delle risorse locali, la definizione di pacchetti vacanza da proporre all’estero mediante la collaborazione di ambasciate e consolati, l’individuazione di attività nel campo enogastronomico – Stazione del Gusto (Torrecuso) – dove è possibile degustare piatti tipici accompagnati dai vini locali e percorsi escursionistici locali o regionali, la promozione del turismo gastronomico e dei prodotti  mediante eventi itineranti .

In queste aree così individuate e secondo le diverse peculiarità territoriali e comparto produttivo prevalente, sia messo a regime una molteplicità di filiere produttive che possano diventare volano di sviluppo e benessere. Noi diffidiamo di chi pensa a insediamenti industriali nel nostro territorio, e riteniamo che nel rispetto della vocazione agricola di tipo prevalente, la nostra Valle non può che avere un unico modello di sviluppo che è quello dell’agroalimentare e turistico.

In tal senso la creazione di una filiera agroalimentare e turistica “Valle Vitulanese” rappresenta una possibilità concreta per tutta la popolazione del territorio. Territorio, che vive, problemi di marginalità per una serie di concomitanze sfavorevoli, ma che possiede grandi ricchezze dal punto di vista naturalistico – paesaggistico, storico-culturale o di artigianato locale. Nell’ambito quindi di un progetto più ampio di territorio – SANNIO – che miri a incrementare la competitività e l’attrattività dei nostre aree rurali e montane, deve  essere inserita la filiera agroalimentare e turistica “Valle Vitulanese” con i sui prodotti di qualità già abbastanza conosciuti a livello nazionale ed internazionale come: la salsiccia rossa di Castelpoto, il formaggio pecorino di Vitulano e le castagne, l’aglianico e la falangina del Taburno , le ciliegie di Campoli Motetaburno e la patata dei territori montani di Tocco Caudio.

Una tutela particolare merita la “salsiccia rossa di Castelpoto”per la quale è indispensabile prevedere l’istituzione di un CONSORZIO che ne definisca gli standard di qualità e ne certifichi l’origine. Al momento alcuni comparti produttivi, in particolare il Vitivinicolo e l’Olivicolo nonostante il raggiungimento di un alto livello di qualità del prodotto ha un mercato limitato per effetto di un costo  ancora alto. Per abbatterne i costi quindi, e per rendere, i prodotti convenienti devono essere eliminati alcuni passaggi e intermediazioni.

Tutto questo è possibile soltanto con la realizzazione della cosiddetta “filiera corta” che prevede un rapporto diretto fra produttore e consumatore, che accorcia il numero degli intermediari commerciali e ne diminuisce il prezzo finale.  In definitiva riteniamo che le linee d’intervento prioritarie nella definizione di una strategia d’azione per la formazione di una  filiera agroalimentare e turistica “Valle Vitulanese” strutturata  sono :

–        dare impulso una cultura di filiera che rafforzi il tessuto produttivo della rete territoriale provinciale in direzione di una maggiore cooperazione, dell’integrazione sistemica e dell’innovazione (banda larga e produzione di energia elettrica da fonti alternative);

–        favorire l’accesso ai mercati nazionali e internazionali, con l’inserimento nel sistema di figure professionali capaci di valutare e sfruttare proficuamente le opportunità di mercato legate ai rapporti con la Grande Distribuzione organizzata, l’exsport e i nuovi media;

–        valorizzare la qualità della produzione, formando figure esperte capaci di assistere le aziende che vogliono puntare alla certificazione di qualità o di origine, ovvero che intendano differenziare il proprio marchio attraverso i valori della tipicità o del rispetto dell’ambiente.  

Print This Post Print This Post

Tags: ,

             

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio