domenica 17 Gennaio 2021 Sequestro di beni a carico di capoclan Iadanza di Montesarchio | infosannionews.it domenica 17 Gennaio 2021
Smooth Slider
Parente: ” Politica e Verità: il giovane civico e il Potere.”

Parente: Politica e Verità: il giovane civico e il Potere.

Ho avuto difficoltà, scrive Renato Parente, ad iniziare questo mio ...

Benevento. Svaligiata villa a contrada San Cumano

Benevento. Svaligiata villa a contrada San Cumano

Nel pomeriggio di ieri in contrada San Cumano di Benevento ...

Compagnia San Pio. Continua la distribuzione alimentare alle famiglie bisognose

Uno dei più drammatici problemi della povertà sicuramente sta nella ...

Asl Benevento. 20 i positivi di oggi, nessun deceduto

Venti positivi su 268 tamponi eseguiti. E' questo il bilancio ...

Accordo Partito Democratico e M5S. Articolo Uno Sannio interessato a sedersi al tavolo

Accordo Partito Democratico e M5S. Articolo Uno Sannio interessato a sedersi al tavolo

L’approssimarsi della individuazione della data della prossima tornata elettorale, scrivono ...

Al “San Pio” 10 nuovi positivi al Coronavirus

Al San Pio 10 nuovi positivi al Coronavirus

Presso l’A.O.R.N. “San Pio”  processati in data odierna  251 tamponi, ...

Sequestro di beni a carico di capoclan Iadanza di Montesarchio

11/02/2013
By

I Carabinieri del reparto operativo hanno sequestrato una società per la vendita di auto e moto e conti correnti per un valore stimato di mezzo milione di euro.

 

 

Nel corso della mattinata , i Carabinieri di Benevento hanno eseguito il decreto di sequestro dei beni emesso dal Tribunale di Benevento – Misure di Prevenzione nei confronti di IADANZA Vincenzo (detto “O Caprariell”) 56enne di Montesarchio, ritenuto capo dell’omonimo clan operante nell’area della Valle Caudina, collegato a quello dei Pagnozzi operante nella provincia di Avellino.

Tale provvedimento scaturisce dalla proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione personale della Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno con contestuale proposta di sequestro dei beni avanzata dal Procuratore della Repubblica D.D.A. presso il Tribunale di Napoli, sulla base delle indagini patrimoniali degli stessi carabinieri che hanno raccolto gli elementi oggettivi, tali da avvalorare la tesi che l’interessato sia dedito abitualmente a traffici delittuosi e sintomatici della sua condotta abituale e del suo tenore di vita, in considerazione della sproporzione tra i beni dichiarati e quelli posseduti, anche intestati a terzi riconducibili allo stesso capo-clan, ritenuti, comunque, frutto e costituenti il reimpiego di denaro proveniente dalle attività illecite dello stesso gruppo malavitoso. Tale misura, appare oggi di straordinaria efficacia in quanto va a colpire gli interessi economici dell’interessato.

In tal senso si è proceduto ad apporre i sigilli ad una concessionaria per la vendita veicoli   di Rotondi (AV), formalmente intestata al figlio Silvio, che risulta proprietario di un elevato numero di autoveicoli.

Nel corso delle indagini patrimoniali è stato riscontrato che tale attività è stata iniziata nel 2010, dal figlio, quando, a quell’epoca lo stesso non poteva contare sui propri redditi, e che quindi, è stata ritenuta “di copertura” per le attività illecite dello IADANZA padre. I Carabinieri hanno sequestrato tutti veicoli di vario tipo, circa 60 fra auto e moto, nella disponibilità della citata azienda commerciale.     

La misura patrimoniale in questione riguarda anche una serie di rapporti bancari e postali, una decina in tutto, intestati all’interessato, al  suddetto figlio ed alla moglie.

Tutto il patrimonio sequestrato, per un valore di circa 500 mila euro, cosi come disposto dall’Autorità Giudiziaria, è stato affidato al custode giudiziario, nominato dallo stesso Tribunale,  che provvederà all’amministrazione dei beni.

Vincenzo IADANZA, già sorvegliato speciale e dichiarato delinquente abituale, annovera numerose condanne anche per rapina, estorsione, associazione per delinquere e violazione alle norme sugli stupefacenti e da ultimo, nel maggio 2011, era stato colpito dall’ordinanza di custodia cautelare, che, aveva portato all’arresto di 19 persone accusate, a vario titolo, di associazione camorristica e reati elettorali, tra cui anche alcuni amministratori comunali di Montesarchio.

Print This Post Print This Post

Tags: