sabato 15 Agosto 2020 Nonostante la crisi gli italiani non hanno risparmiato sul menu | infosannionews.it sabato 15 Agosto 2020
Smooth Slider

Ha ricevuto il Sacro Battesimo la piccola Giorgia Maniero. Gli auguri della madrina e del padrino

"In questo giorno così importante i tuoi padrini ti augurano ...

Asl. A Benevento e provincia sono 9 le persone positive al Covid 19

La situazione in provincia di Benevento, fa sapere l'Asl,  dal ...

Covid-19, AO “San Pio”: processati 46 tamponi in data odierna”

Covid-19, AO San Pio: processati 46 tamponi in data odierna

Si comunica che l’A.O.R.N. “San Pio” ha processato in data ...

Pasquale Carofano:”Noi non amiamo le speculazioni”

Pasquale Carofano:Noi non amiamo le speculazioni

"Le determine n. 454, 455, 456 e 457 del 12 ...

Matera sulla revoca di Iannace dal CdA Asi “Mastella che predica coerenza è il trionfo dell’assurdo”

Matera sulla revoca di Iannace dal CdA Asi Mastella che predica coerenza è il trionfo dell'assurdo

“Desidero esprimere solidarietà piena a Nascenzio Iannace, vittima delle epurazioni ...

Nonostante la crisi gli italiani non hanno risparmiato sul menu

26/12/2012
By

E’ quanto emerge da una analisi fatta dalla Coldiretti su tutto il territorio italiano.

Spesi ben 2,5 miliardi di euro con un aumento del 10% rispetto al dato dello scorso anno. Il dato comune comunque è stata la sobrietà e, senza rinunciare al tradizionale cenone, si è cercato di contenere gli sprechi. La statistica parla di nove italiani su dieci che hanno trascorso la vigilia a casa con parenti.

“La tendenza a ridurre gli sprechi – ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini è forse l’unica notizia positiva della crisi in una situazione in cui in Italia sono aumentate del 9% le persone costrette a ricevere cibo o pasti gratuiti in mensa o nelle proprie case”.

E’ stata fatta quindi una spesa più oculata, utilizzando nelle ricette anche gli avanzi del giorno precedente. “Polpette o polpettoni a base di carne o tartare di pesce sono una ottima soluzione per recuperare il cibo del giorno prima, ma anche le frittate possono dare – continua la Coldiretti – un gusto nuovo ai piatti di verdura o di pasta, senza dimenticare la ratatouille. La frutta secca in più può essere facilmente caramellata per diventare un ottimo “torrone” mentre con quella fresca si ottengono pasticciate, marmellate o macedonie”.

Secondo quanto riporta l’Agea nella Relazione di Distribuzione degli alimenti agli indigenti 2012, gli italiani indigenti che hanno ricevuto pacchi alimentari o pasti gratuiti sono quasi 3,7 milioni che costituisce il massimo dell’ultimo triennio.

Print This Post Print This Post

Tags: