venerdì 3 Dicembre 2021 CIVES: Il ricambio generazionale è la chiave del miglioramento sociale | infosannionews.it venerdì 3 Dicembre 2021
Smooth Slider

Trotta Bus, Varricchio e Perifano chiedono audizione in Commissione di assessore e vertici dell’azienda

I consiglieri comunali Marialetizia Varricchio (Partito Democratico) e Luigi Diego ...

Piano PNRR, il sindaco Mastella incontra Arcuri amministratore delegato di Invitalia.

Piano PNRR, il sindaco Mastella incontra Arcuri amministratore delegato di Invitalia.

"Ho avuto, ieri, un incontro con l’amministratore delegato di Invitalia, ...

Operazione bosco sicuro. Sorpresi con un drone a tagliare alberi nel parco Regionale del Taburno Cinque persone nei guai.

Nell’ambito di una vasta operazione denominata “Bosco Sicuro”, tesa alla ...

A Sant'Agata dei Goti Natale al Borgo: i commercianti portano in scena spettacoli, musica e artigianato

I commercianti si rimboccano le maniche e propongono un inteso ...

Stampa articolo Stampa articolo

CIVES: Il ricambio generazionale è la chiave del miglioramento sociale

23/12/2012
By

La “questione giovanile” è stato il centro della quinta lezione di “CIVES – Laboratorio di Formazione al Bene Comune”, che si è svolta venerdì 21 Dicembre presso il Centro di Cultura “Raffaele Calabria”.

L’incontro ha visto il prof. Alessandro Rosina (docente di demografia presso l’Università Cattolica) e il sociologo beneventano Claudio Marotti (autore del libro “La questione giovanile nella società post-moderna”) in qualità di relatori sull’importante tema “I giovani risorsa del paese”.
Come di consueto, Ettore Rossi (Direttore dell’Ufficio per i Problemi Sociali e il Lavoro della diocesi di Benevento) ha introdotto i presenti al tema: “La questione ci sta particolarmente a cuore perché in essa risiede sia il problema che la soluzione, in quanto se non si investe sui giovani accorciando la transizione dalla fase giovanile a quella adulta, le prospettive per il nostro paese sono difficili. Chiediamo una scelta preferenziale per i giovani perché sono attualmente l’anello debole, quello più povero della società”.
La mancanza di politiche di sostegno volte al mondo giovanile è stata successivamente ripresa più volte nell’intervento del prof. Rosina, il quale non ha trascurato un’analisi del contesto attuale e delle sue criticità: “Una società statica fatta di esseri immortali ha molte meno possibilità di crescere e progredire rispetto a una che evolve con il succedersi delle generazioni; per questo il ricambio generazionale è da sempre la chiave per il miglioramento sociale, e d’altronde – nota il professore – la parola giovane ha la stessa radice etimologica del verbo latino “iuvare”, che significa “essere utile, giovare”, per cui è tautologico che i giovani debbano dare un contributo positivo alla società.”
Sarebbe di conseguenza improduttivo, alla luce di questo dato, non constatare la consistente e stabile contrazione del peso e della presenza dei giovani nel nostro Paese, ulteriore aggravante e conseguenza naturale della dilagante mancanza di politiche serie volte alla famiglia: “ Questo dato – ha proseguito Rosina – si potrebbe compensare con la qualità della loro formazione e partecipazione, e invece ci ritroviamo con il paradosso italiano nel quale questo non avviene; pertanto al disinvestimento quantitativo nelle nuove generazioni si affianca un ancor più grave disinvestimento qualitativo: l’Italia investe di meno sui pochi giovani che ha. Inoltre in Italia risulta forte la dipendenza delle nuove generazioni dalla famiglia d’origine, dipendenza dovuta in parte a fattori culturali e in parte a fattori strutturali, anche se la tendenza attuale è verso un’accentuazione del peso delle variabili economiche”.

Una situazione problematica dunque, che lascia chiaramente intravedere una soluzione che tarda ad essere accolta: “Le nostre nuove generazioni – ha concluso il docente – hanno tutte le caratteristiche e le potenzialità per inserirsi nel percorso d’innovazione che chiede l’Unione Europea”.
Il dott. Claudio Marotti è intervenuto nella seconda parte dell’incontro, ribadendo quanto la questione giovanile sia in realtà parte fondamentale di una più ampia questione sociale: “Oggi il futuro è percepito come una minaccia, non più una promessa come lo intendevano le generazioni precedenti, e ciò è avvenuto perché viviamo una profonda crisi della modernità, che è sempre stata un aspetto caratterizzante dell’individuo. Con il Novecento abbiamo visto l’applicazione della tecnica non più finalizzata al progresso ma al servizio della morte. E ciò non ci è stato di insegnamento”.
Un essere umano profondamente mutato, dunque, non più proiettato al confronto, alla condivisione con l’altro, ma dominato dall’egoismo e assoggettato dalla scienza e dalla tecnica: “Il futuro non lo costruirà l’uomo della società tecnologica – ha concluso Marotti – perché non ha gli strumenti culturali e interpretativi per farlo. Sono i giovani che devono prendere in mano il loro destino e comprendere che tocca a loro costruire un futuro, un mondo diverso, del quale beneficeranno tutti”.

Stampa articolo Stampa articolo

Tags: