lunedì 22 Aprile 2024 Sequestro Sanav, Gerardo Giorgione (Forza Italia): “Il sindaco non si lavi le mani, assuma le dovute decisioni” | infosannionews.it lunedì 22 Aprile 2024
In evidenza

De Luca fa visita a CampaniAlleva Expo 2024: oggi ultimo giorno della fiera zootecnica

Alle 23.00 di oggi, domenica 21 aprile, calerà il sipario ...

Civico 22: “Il Benevento Calcio a 5 in serie A è eccezionalmente normale”

Civico 22: Il Benevento Calcio a 5 in serie A è eccezionalmente normale

"La “normalità” è la tenacia espressa e riconosciuta nel corso ...

Vittoria per l'Accademia Volley, Monopoli KO!

Terza vittoria consecutiva per l’Accademia Volley che ieri pomeriggio al ...

Pietrelcina. Via Fontana dei Fieri: diventa via Cammino della Pace?

Pietrelcina. Via Fontana dei Fieri: diventa via Cammino della Pace?

La proposta dei cittadini: aggiornamento toponomastica e numerazione civica. L’idea ...

Stampa articolo Stampa articolo

Sequestro Sanav, Gerardo Giorgione (Forza Italia): “Il sindaco non si lavi le mani, assuma le dovute decisioni”

21/02/2024
By

“Lo scorso 26 settembre 2023, nella  mia qualità di Consigliere comunale,  ho formulato un’interrogazione al sindaco, sulla questione miasmi in città – SANAV – trasmessa con pec al Comune di Benevento in pari data, a seguito delle  relazioni ARPAC e della forestale, nonché  dell’intervento del Sindaco stesso, che annunciava controlli a tappeto e verifiche costanti, invitando a tanto anche gli altri organi di controllo” – così in una nota a sua firma Gerardo Giorgione, Consigliere comunale di Forza Italia – “Praticamente 5 mesi dopo è arrivato il sequestro da parte della Procura di Benevento di un’area della SANAV. Senza entrare nel merito di quanto richiesto dalla Procura ed ammesso dal GIP non posso sottacere sul demerito di una gestione ambientale, oserei dire  facilona e supponente  di qualche amministratore che, su tale argomento, non ha mai dato risposte, chiudendosi nel mutismo selettivo.

Si è passati velocemente dai trionfalismi per  l’ambiente cittadino purissimo, nonostante la impossibilità di respirare proprio per i miasmi persistenti, alla costante  violenza perpetrata  nei confronti dei  cittadini beneventani, specie di quella zona, che per l’ennesima volta sono stati presi in giro da “sedicenti attività di controllo e impegni risolutori”.  Colpisce  la totale assenza dell’assessore competente in materia, totalmente sparito sulla quaestio miasmi e non se ne capisce il perché. Nessuno, infatti,  ha risposto alla mia interrogazione del 26 settembre 2023. Non è stato mai convocato  un consiglio comunale sulla questione “ambiente e miasmi“ in città e nella zona industriale interessata. Cosa mai li ha spinti a non parlare della SANAV e dei miasmi derivanti dalle lavorazioni della predetta?

Di certo, come detto qualche tempo fa da un delegato di Forza Italia, si è rapidamente passati dalle foto festanti per insignificanti tagli d’erba all’oscurantismo assoluto, per l’assenza totale di una politica ambientale.

Ma vi è qualche problema ad intervenire da parte del sindaco? O da parte dell’assessore all’ambiente ?

E’ palese che la “questione ambientale”  è al collasso. Speriamo, però,  che questo sequestro possa dare l’avvio alla responsabilizzazione della amministrazione e che il sindaco,  quale massimo organo per la tutela della salute pubblica non paventi solo con parole tale impegno, ma inizi a optare per revocare o far dimettere, che sarebbe meglio, chi ha dimostrato poca attinenza e interesse alla questione “ambiente”.

Spero che il Sindaco prenda spunto da questo evento e, con il coraggio e la spregiudicatezza che non gli è mancata in altre occasioni, provveda quanto meno a porre in stand by alcune figure totalmente disattente, disinteressate e financo  con qualche incompatibilità. Il sequestro dell’area SANAV, sempre tenendo in considerazione che un sequestro non equivale a condanna definitiva fino al terzo grado,  deve indurre il primo cittadino a una seria riflessione che lo conduca ad adottare provvedimenti importanti, nella consapevolezza che la tutela della salute pubblica non va solo paventata, ma tutelata “veramente”. Il sindaco mostri anche in questa circostanza il ‘cuor di leone’ che in altri momenti non ha esitato, nemmeno un attimo, a mostrare, così da non farsi considerare stavolta alla stregua di Don Abbondio” ha concluso Giorgione.

Tags: