domenica 25 Febbraio 2024 Il 30 novembre seminario don Lorenzo Milani nel centenario della nascita | infosannionews.it domenica 25 Febbraio 2024
  • Allerta meteo, c’è l’avviso del sindaco Clemente Mastella
In evidenza
San Lorenzello. Tavolo Tecnico per la videosorveglianza

San Lorenzello. Tavolo Tecnico per la videosorveglianza

Per la videosorveglianza nel Comune di San Lorenzello il sindaco ...

Gli studenti dell'IIS Alberti a lezione in azienda

Nell’ambito delle attività di PCTO nasce la collaborazione tra l’I. ...

Allerta meteo per piogge, c’è l’avviso del sindaco Clemente Mastella

Allerta meteo per piogge, c’è l’avviso del sindaco Clemente Mastella

In ragione dell’allerta diramata dalla Protezione civile regionale, dalle ore ...

Pd : “Dove sosteranno i bus extraurbani a Benevento?”

Pd : Dove sosteranno i bus extraurbani a Benevento?

"Ad oggi una risposta che interesserebbe in tanti, per la ...

Il Benevento 5 getta il cuore oltre l'ostacolo: 3-1 all'Itria.

Mister Centonze: "Successo che vale doppio". Guerra: "Vittoria di platino".Vittoria ...

Puglianello, servizio civile, Mongillo: Parte l’iter per otto giovani.

Al via l’iter per il Servizio civile aperto ai giovani ...

Stampa articolo Stampa articolo

Il 30 novembre seminario don Lorenzo Milani nel centenario della nascita

28/11/2023
By

Il 30 novembre l’Officina Maria Penna celebra il centenario della nascita di don Lorenzo Milani. Dopo la celebrazione da parte dell’ANPI de “La lunga notte del ’43” tra settembre e ottobre, l’Officina “Maria Penna” dà avvio ai seminari, giunti alla settima stagione, giovedì 30 novembre alle ore 17.00.

Nel Salone “Di Vittorio” della CGIL (in Via Leonardo Bianchi), Amerigo Ciervo e Teresa Simeone, Presidente e Vicepresidente dell’ANPI Sannio, ricorderanno la figura di Lorenzo Milani nel centenario della nascita, rivendicandone la bruciante attualità.

Lo scorso anno i seminari si aprirono con “Le sfide dell’istruzione” del sociologo Fiorenzo Parziale. Non a caso quest’anno si parte celebrando la figura di uno degli educatori più innovativi del secolo scorso, poiché la scuola è uno dei luoghi simbolici e non solo in cui una società decide che cosa vuole essere e quali, dunque, siano le parole d’ordine. Riproporre l’insegnamento (non solo in ambito scolastico) e il modello del priore di Barbiana significa, dunque, oggi contrastare la scuola del “merito”, della competizione, delle competenze. In nome di un’altra scuola possibile ma con solide radici negli ideali resistenziali e nella Costituzione democratica.

Tags: