martedì 23 Aprile 2024 AltraBenevento.L’antica via Appia a Benevento, candidata Unesco, tra propaganda, degrado, immondizia, reperti archeologici abbandonati, scarichi fognari puzzolenti e ponti inaccessibili. | infosannionews.it martedì 23 Aprile 2024
In evidenza
Via libera della Giunta al sostegno per il pagamento delle utenze di luce e gas

Via libera della Giunta al sostegno per il pagamento delle utenze di luce e gas

La Giunta comunale, su proposta del sindaco Clemente Mastella e ...

Incidente sulla S.S.Telesina, coinvolti 4 veicoli

Incidente stradale lungo la strada statale Teresina. infatti, per causa ...

GESESA, chiusura degli sportelli al pubblico 26 e 27 Aprile 2024.

GESESA, chiusura degli sportelli al pubblico 26 e 27 Aprile 2024.

GESESA comunica che Venerdì 26 e Sabato 27 Aprile gli sportelli ...

Domenica 28 Aprile torna Rapsodie - Emozioni in prosa, poesia e musica con Comedians during the Plague

Con lo spettacolo teatrale di Cristian Izzo "Comedians during the ...

Stampa articolo Stampa articolo

AltraBenevento.L’antica via Appia a Benevento, candidata Unesco, tra propaganda, degrado, immondizia, reperti archeologici abbandonati, scarichi fognari puzzolenti e ponti inaccessibili.

02/09/2023
By

Scrivono da Altrabenevento : “L’antica via Appia a Benevento, candidata Unesco, tra propaganda, degrado, immondizia, reperti archeologici abbandonati, scarichi fognari puzzolenti e ponti inaccessibili. Altra Benevento invia un Dossier fotografico al Ministero della Cultura Come normalmente accade a Benevento al tempo di Mastella sindaco, l’amministrazione comunale organizza continue iniziative propagandistiche per lo “sviluppo culturale e turistico” della città ma nella realtà i beni da tutelare e valorizzare sono sempre in condizione pietose. E’ il caso anche della via Appia oggetto da diversi mesi di una campagna per il riconoscimento come patrimonio dell’Unesco, sostenuta pure con il fumetto Topolino della Walt Disney (foto 1), ma il suo tracciato nel territorio del comune di Benevento si caratterizza per l’assoluto degrado, cumuli di rifiuti, segnaletica illeggibile, reperti archeologici abbandonati, scarichi fognari puzzolenti, ponti inaccessibili. L’antica strada prima di arrivare in città costeggiava il torrente Serretelle in una zona di grande interesse paesaggistico (foto 2-3) oggi piena di rifiuti di vario genere che ostruiscono anche i canali, vecchi igienici e materiali edili abbandonati (foto 4-5-6). Da Santa Clementina la Regina Viarum arrivava al Ponte Leproso, oggi tra erbacce e rifiuti (foto 7), e poi costeggiava l’anfiteatro romano (vedi cartello, foto 8-9, oramai illeggibile), in parte oggetto di scavi archeologi da tempo abbandonati, proprio in via Appia Antica vicino alla stazione ferroviaria omonima (foto 10-11-12). In città l’Appia diventava Decumano tra il Foro e le Terme, lungo l’attuale Corso Dante che oggi espone importanti reperti archeologi (foto 13) sui quali l’amministrazione comunale vuole costruire un Info Point per spendere inutilmente un milione di euro. Dopo l’arco di Traiano l’Appia raggiungeva il Ponticello tra il torrente San Nicola e il fiume Calore, oggi sommerso dalla vegetazione che copre in parte anche uno scarico fognario puzzolente (foto 14-15). Infine la Traianea giungeva al ponte Valentino (foto 16) per attraversare il fiume Calore alla confluenza con il Tammaro. Oggi l’accesso all’antico Ponte è impedito dalla vegetazione che lo copre interamente e quindi è inutilizzabile anche il nuovo ponte pedonale costruito dal Consorzio ASI per consentire ai pellegrini di proseguire sul Cammino dell’Arcangelo per raggiungere il Gargano (foto 17-18-19-20). Altra Benevento ha inviato un dossier fotografico al Ministero della Cultura e agli Ispettori incaricati delle verifiche per le candidature Unesco,. La foto sono scaricabili dal seguente link https://drive.google.com/drive/folders/1eU2IsHVUmf_rQD5g4feXfeBUm3v99V_c?usp=sharing Gabriele Corona, movimento “Altra Benevento è possibile””

Tags: