Mazzone: “Via della Fede di San Pio” una fotocopia de “La Via dei Conventi” ideata dal pietrelcinese Mario Pompeo Caruso da ben 15 anni”

Il sindaco di Pietrelcina Salvatore Mazzone scende in campo e intende chiarire nei minimi dettagli con un documento tale discrasia. “Un comunicato del 31 maggio – dichiara il primo cittadino – ha annunciato l’ingresso di Benevento nella “Via della Fede di San Pio”, un network di cammini che nelle intenzioni di chi lo ha “ideato” dovrebbe congiungere tutti i territori toccati dalla grazia del passaggio di Padre Pio. Ho volutamente posto tra virgolette la parola “ideato” in quanto un utilizzo proprio di tale espressione implica un’originalità che la “Via della Fede di San Pio” non possiede affatto! Esiste già da 15 anni un progetto che ha le medesime caratteristiche e che si concretizza ogni estate con un trekking di 3 giorni che accoglie pellegrini da varie parti del mondo: si chiama “La via dei conventi di Padre Pio” ed è stato inserito nell’elenco dei cammini di fede ed itinerari di turismo religioso stilato di recente dalla Cei. La Via dei Conventi è un’iniziativa partita dal basso, da un’idea del pietrelcinese Mario Caruso. Di qui l’obbligo morale, in quanto sindaco di Pietrelcina, di difendere ciò che è nato dal nostro territorio e nel nostro territorio, senza alcun secondo fine. Appena letto il comunicato del 31, ho subito chiamato Clemente Mastella esprimendogli il dispiacere per la scelta di Benevento nonché la ferma contrarietà di Pietrelcina al progetto “La Via della Fede di San Pio”. Riteniamo che non possa esistere una via della fede di San Pio senza Pietrelcina, né d’altra parte senza San Giovanni Rotondo e men che meno senza i frati cappuccini e le diocesi coinvolte. Tutti gli attori devono, nel rispetto del messaggio del nostro illustre compaesano, agire in piena concordia e nel rispetto reciproco, innanzitutto marginalizzando chi evidentemente può essere mosso da altri tipi di interesse. Clemente Mastella è del nostro stesso avviso, – termina Salvatore Mazzone – così come il sindaco di Morcone Luigi Ciarlo. Pertanto i nostri comuni si muoveranno insieme, nell’interesse del Sannio intero. Fino ad ora, il nostro coinvolgimento è stato limitato ad una richiesta di convenzione da sottoscrivere al buio (senza tra l’altro passare in consiglio comunale) il 16 giugno 2022 a San Giovanni Rotondo. Auspichiamo e rinnoviamo l’invito a camminare insieme, evitando sterili personalismi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *