mercoledì 17 Aprile 2024 Corona: “Comune e Soprintendenza avevano già concordato che gli scavi sarebbero durati un mese, indipendentemente dal valore dei ritrovamenti” | infosannionews.it mercoledì 17 Aprile 2024
In evidenza

Siamo Forchia, ecco Agostino Verlezza 

Continua la cavalcata di “Siamo Forchia”, gruppo facente capo al ...

San Giorgio del Sannio, Gerardo Campana aderisce a Forza Italia

Gerardo Campana è il volto dell'imprenditoria dinamica e dello spirito ...

Filosofia e danza “ il Linguaggio della danza è: espressione, sensazione, emozione”

Giovedi 18 Aprile 2024 alle ore 18,30 presso il Teatro ...

Elezioni europee. Provvedimenti in materia di comunicazione politica

Elezioni europee. Provvedimenti in materia di comunicazione politica

Elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia di sabato ...

Civico22 sulla sospensione delle attività didattiche del plesso centrale della “Sant’Angelo a Sasso”

Civico22 sulla sospensione delle attività didattiche del plesso centrale della Sant'Angelo a Sasso

Benevento - "Ci duole ritornare sempre sullo stesso punto, ma ...

Stampa articolo Stampa articolo

Corona: “Comune e Soprintendenza avevano già concordato che gli scavi sarebbero durati un mese, indipendentemente dal valore dei ritrovamenti”

03/06/2023
By

Scrive Gabriele Corona : “Piazza Santa Maria, la Soprintendenza conferma che il pavimento in mosaico risale alla Beneventum romana e che probabilmente il lastricato è un tratto di via Appia Antica ma gli scavi saranno coperti tra una settimana, senza altre indagini, per consentire la realizzazione dell’Ufficio turistico con i servizi igienici. Il Mattino di oggi pubblica le dichiarazioni del soprintendente archeologico Gennaro Leva che conferma il grande valore dei reperti trovati in piazza Santa Maria (piazza Cardinal Pacca): il pavimento in mosaico è di età romana e probabilmente hanno portato alla luce anche un tratto della via Appia. Ad ottobre la Soprintendenza con una apposita relazione spiegherà che cosa ha trovato finora ma non hanno approfondito la conoscenza dei grossi blocchi di tufo (simili a quelli utilizzati dai sanniti in altre aree della città) e neppure è stata indagata l’area dov’era la chiesa di Santo Stefano e probabilmente il tempio di Iside. Leva, infatti, ha annunciato che da lunedì saranno aperte altre tombe, tra le quali quella di un bambino, e poi tutti i reperti saranno coperti per consentire al Comune di realizzare una struttura per l’Ufficio di accoglienza dei turisti con Servizi Igienici. Si conferma, pertanto, la notizia già fornita da Altra Benevento: Comune e Soprintendenza avevano già concordato che gli scavi iniziati agli inizi di Maggio sarebbero durati un mese, indipendentemente dal valore dei ritrovamenti, perché il Comune di Benevento con la Determina del dirigente Antonio Iadicicco, n. 9 del 13 aprile 2023, ha stanziato solamente 4.197 euro per 25 giorni di lavoro degli archeologi di una ditta privata. Altri 79.020 euro sono previsti nel preventivo del progetto PICS ma sono destinati alle operazioni di scavo con mezzi meccanici degli operai della ditta Costruzioni Nardone di San Nicola Manfredi, incaricata di realizzare la struttura per il turismo. Il Comune di Benevento non intende finanziare altri accertamenti da parte degli archeologi. Finora ha speso l’8% della somma mensile delle indennità del sindaco e dei suoi assessori.”

Tags: