mercoledì 17 Aprile 2024 Il 23 febbraio la presentazione del libro “Futurvesuvio” di Massimo Bignardi | infosannionews.it mercoledì 17 Aprile 2024
In evidenza

Siamo Forchia, ecco Agostino Verlezza 

Continua la cavalcata di “Siamo Forchia”, gruppo facente capo al ...

San Giorgio del Sannio, Gerardo Campana aderisce a Forza Italia

Gerardo Campana è il volto dell'imprenditoria dinamica e dello spirito ...

Filosofia e danza “ il Linguaggio della danza è: espressione, sensazione, emozione”

Giovedi 18 Aprile 2024 alle ore 18,30 presso il Teatro ...

Elezioni europee. Provvedimenti in materia di comunicazione politica

Elezioni europee. Provvedimenti in materia di comunicazione politica

Elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia di sabato ...

Civico22 sulla sospensione delle attività didattiche del plesso centrale della “Sant’Angelo a Sasso”

Civico22 sulla sospensione delle attività didattiche del plesso centrale della Sant'Angelo a Sasso

Benevento - "Ci duole ritornare sempre sullo stesso punto, ma ...

Stampa articolo Stampa articolo

Il 23 febbraio la presentazione del libro “Futurvesuvio” di Massimo Bignardi

20/02/2023
By

Benevento – Giovedì 23 febbraio alle ore 17:00, presso la sala Antico Teatro di Palazzo Paolo V, si terrà la presentazione del volume “Futurvesuvio. Futurismo e futuristi in Campania 1910-1924” (Francesco D’Amato Editore, 2022) di Massimo Bignardi.

A renderlo noto è l’assessore alla Cultura, Antonella Tartaglia Polcini.

L’evento è organizzato dalla Biblioteca Comunale e rientra nell’ambito della rassegna letteraria “Inviti alla lettura: conversando con gli autori”.

Dopo i saluti del sindaco Clemente Mastella e dell’assessore Antonella Tartaglia Polcini, lo storico dell’arte Francesco Creta discuterà del libro con l’autore ed è prevista anche la lettura di alcuni brani da parte degli allievi dell’Istituto d’istruzione superiore “Virgilio” di Benevento.

La nuova edizione di “Futurvesuvio. Futurismo e futuristi in Campania 1910-1924”, ampliando il volume pubblicato nel 1992, rilegge le vicende e i protagonisti del Futurismo in Campania, disegnando una traccia storico-critica che, dalla “serata futurista” tenutasi al teatro Mercadante nel 1910, va alla mostra del 1914, allestita nella galleria napoletana di Giuseppe Sprovieri, fino al Manifesto futurista di Boccioni ai Pittori Meridionali, apparso sulla rivista «Vela Latina» nel 1916.

L’analisi poi si sposta sui soggiorni tra Napoli, Capri e Positano di Depero e Prampolini; e giunge al settembre del 1922 con la serata “salernitana”. Ai saggi, che ricostruiscono in chiave diacronica un profilo delle vicende e delle presenze futuriste in area campana, fa seguito un’antologia di testi e di documenti complementari alla prima parte del volume.

Massimo Bignardi (Salerno 1953) si è formato negli anni settanta all’Università degli Studi di Salerno con Enrico Crispolti. Già professore di Storia dell’arte contemporanea e di Arte ambientale e architettura del paesaggio presso l’Università degli Studi di Siena, dove ha diretto la Scuola di specializzazione in Beni storico-artistici, è direttore del Museo-FRaC Baronissi (Fondo Regionale d’Arte Contemporanea) e di “geaArt”, periodico di cultura, arti visive, spettacolo e nuove tecnologie creative.

Tags: