giovedì 6 Ottobre 2022 San Pio, nessun accordo con i sindacati. CIMO-FESMED: “Epilogo di una gestione che non ha premiato i medici” | infosannionews.it giovedì 6 Ottobre 2022
  • Ucraina, De Luca annuncia: "Una grande manifestazione per la pace a Napoli sabato 29 ottobre".
Smooth Slider

Apollosa, la maggioranza: Dalla minoranza solo polemiche pretestuose!

"Il Consiglio Comunale di Apollosa, in data 4 ottobre, al ...

Benevento la città con più contagiati nel periodo dal 28 settembre al 4 Ottobre

Maglia nera della Campania Benevento con 391 contagiati nel periodo ...

Maglione: «Minacce a Volpe provano che Sannio non è un’oasi felice».

Maglione: «Minacce a Volpe provano che Sannio non è un’oasi felice».

«Nell’esprimere la mia solidarietà al direttore dell’Asl Gennaro Volpe, invito ...

Pubblicato il bando della decima edizione di Cinefrutta riservato alle scuole medie e superiori

È online il bando della decima edizione di Cinefrutta, il ...

Telese Terme e Viterbo, “gemellate” grazie alle terme e al telesino Antonio Di Pietro

L’evento di presentazione del libro di Antonio Di Pietro è ...

Imprese: “boom” di adesioni a Limatola per sos a governo contro cartelle esattoriali.

“E’ stato un vero e proprio successo l’avvio della raccolta ...

Stampa articolo Stampa articolo

San Pio, nessun accordo con i sindacati. CIMO-FESMED: “Epilogo di una gestione che non ha premiato i medici”

21/07/2022
By

“Prendiamo atto della mancata volontà della direzione generale dell’AO San Pio di raggiungere un accordo, neppure preliminare, con le organizzazioni sindacali sulla corretta applicazione del contratto di lavoro dei medici firmato a Roma nel dicembre del 2019. È l’epilogo di una gestione che non ha certamente premiato i medici e i sanitari del San Pio, pur chiedendo loro uno sforzo enorme soprattutto in questi anni di pandemia”, dichiara la Federazione CIMO-FESMED. “Con il pretesto di una illegittima direttiva del direttore regionale Postiglione – prosegue il sindacato dei medici – è impedito ai medici l’affidamento di almeno un incarico professionale. La direzione propone, inoltre, un contingentamento minimo a garanzia dei turni di servizio talmente ridotto da mettere a rischio la sicurezza delle cure, e si ostina a ignorare palesi errori contabili arrecando ulteriori danni economici ai medici e dirigenti sanitari. Tali azioni inducono ad una profonda riflessione che non potrà sfuggire agli organi di controllo, ad iniziare dalla Corte dei Conti”. “Oramai siamo alla fine di una fase molto difficile per l’AO San Pio, una fase da dimenticare al più presto con la speranza che in azienda ritorni quella normalità fatta di diritti e spinte motivazionali, strumenti essenziali per garantire ai cittadini il diritto, in sicurezza, alle cure”, conclude CIMO-FESMED.