venerdì 19 Agosto 2022 Città Aperta, Cicatiello e Miceli: “Benevento esclusa dalla programmazione PNRR per le ZES” | infosannionews.it venerdì 19 Agosto 2022

Smooth Slider

Successo a Foiano per l'Istituto storico del Risorgimento

Successo dell’iniziativa dell'Istituto Storico del Risorgimento e del Comune di Foiano ...

Accademia, il nuovo staff tecnico tra conferme e novità

Con il raduno fissato per il prossimo 22 agosto, l'Accademia ...

WWf: Due serate all’oasi del Lago di Campolattaro

Domenica 21 agosto un evento per vivere una sera d’estate ...

Sarà Daniele De Rossi il nuovo allenatore del Benevento?

La notizia è stata data questa notte dal Corriere dello ...

Festival dei Sapori e degli Artisti di Strada, ultimi giorni per prenotare gli spazi

Festival dei Sapori e degli Artisti di Strada, ultimi giorni per prenotare gli spazi

In occasione del Festival dei Sapori e degli Artisti di ...

Stampa articolo Stampa articolo

Città Aperta, Cicatiello e Miceli: “Benevento esclusa dalla programmazione PNRR per le ZES”

07/02/2022
By

Di seguito l’intervento di Lorenzo Cicatiello e del capogruppo Angelo Miceli,(Città Aperta) in merito al mancato finanziamento per la zona ZES nell’ambito degli interventi del PNRR:

Dentro il complesso scenario che riguarda il PNRR, la sua attuazione, e le enormi possibilità offerte per i territori , si intersecano altre numerose e complementari strategie di sviluppo che anche il Sannio, e la Città capoluogo, dovrebbero avere l’intuizione di non disperdere, viste le cospicue risorse disponibili.

Tra queste, sicuramente, la strategia di sviluppo e riorganizzazione delle ZES merita un approfondimento specifico e scrupoloso, attesa la significativa accelerazione che l’iter sta avendo anche a seguito della nomina del Commissario di Governo della ZES in Campania, avv.Giosi Romano.

Lo scorso 4 gennaio, sulla Gazzetta Ufficiale, è stato pubblicato il decreto interministeriale dei ministri Giovannini e Carfagna, che ripartisce le risorse a disposizione delle ZES (Zone Economiche Speciali).

Si tratta di ben 630 milioni di euro per investimenti infrastrutturali per lo sviluppo dei collegamenti della rete nazionale dei trasporti con le aree ZES.

Proprio l’approfondimento della documentazione ufficiale  ci consegna , però, una sgradita sorpresa per le aree industriali di Ponte Valentino e di Cda Olivola.

Mentre le province di Avellino, Caserta e Salerno, fanno il pieno in termini di risorse intercettate, con i previsti interventi in Valle Ufita, Maddaloni e Fisciano; mentre Nola entra nei primi interventi appaltabili con un budget previsto in circa 30mln/€, purtroppo ancora una volta il nostro territorio non figura né tra i 6 interventi di ultimo miglio, previsti per connettere le aree portuali e industriali e la rete infrastrutturale ferroviaria e stradale né tra i 4 interventi che finanziano la logistica.

Ci saremmo aspettati una vibrata protesta rispetto a questo esito,ma così non è stato, e non si sono registrate reazioni rispetto a questa ennesima mortificazione delle nostre aspettative.Tuttavia la questione non merita di essere silenziata, occorrendo piuttosto una corale mobilitazione per evitare che la penalizzazione del territorio diventi irreversibile.

Allo scopo un primo utile passo è, secondo noi, la immediata convocazione della commissione consiliare attività produttive per costruire un solido percorso che consenta di raggiungere l’obbiettivo del potenziamento e della competitività delle nostre ZES.

Tags: