In evidenza

Paupisi. al via i festeggiamenti a Maria SS. Di Pagani organizzati da ‘Il Sogno’

Due fine settimana di festa dedicata alla Vergine Maria di ...

L’ex Caserma Pepicelli diventerà un “Federal Building”

L’ex Caserma Pepicelli diventerà un “Federal Building”

Lunedì la firma del protocollo d’intesa tra Comune e Agenzia ...

Guardia Sanframondi incontro in regione per la realizzazione della rete a Banda Ultra Larga

Guardia Sanframondi incontro in regione per la realizzazione della rete a Banda Ultra Larga

Importante incontro ieri in Regione Campania avente ad oggetto gli ...

Benevento Calcio. Lucioni va via, tornerà da avversario nelle fila del Lecce

Benevento Calcio. Lucioni va via, tornerà da avversario nelle fila del Lecce

Un fulmine a ciel sereno la cessione del capitano ad ...

DL Dignità, Sandra Lonardo: istituire fondo per assunzione trentacinquenni

DL Dignità, Sandra Lonardo: istituire fondo per assunzione trentacinquenni

"Istituire un fondo di solidarietà aziendale di 30 milioni per ...

Separazione delle attività bancarie e di BancoPosta da attività tradizionale di Poste

03/10/2012
By

Pietro Giordano, Adiconsum, così spiega nel comunicato inviatoci  :“La separazione delle attività bancarie e di BancoPosta dall’attività tradizionale di Poste Italiane, utili strumenti per una maggiore trasparenza, concorrenza e tutela dei consumatori, ma anche strumento di contrasto sul nascere delle crisi finanziarie”

“Le posizioni dell’Unione europea sulla separazione fra banche di investimento e banche retail e quella dell’Antitrust italiano sulla separazione dell’attività di BancoPosta a quella tradizionale postale – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum – potrebbero segnare in maniera importante il futuro del sistema bancario e tutelare ancor meglio i consumatori.”

“La separatezza delle attività bancarie – prosegue Giordano – avrebbe quasi certamente bloccato sul nascere la crisi finanziaria del 2008. Lo sviluppo nel settore bancario di Bancoposta non potrà che rendere più concorrenziale e quindi più utile per i consumatori tutto il sistema creditizio e finanziario. Peraltro la concretizzazione della posizione dell’Antitrust consentirebbe al gruppo Poste di completare la propria presenza nel settore del credito dopo l’acquisizione e l’avvio del medio credito centrale.

“Adiconsum – conclude Giordano – su entrambi gli argomenti vuole portare il proprio contributo, in una logica di tutela collettiva dei consumatori e per la costruzione di una normativa nazionale e europea che consenta di non ricadere negli stessi errori del recente passato e offra maggiori opportunità di concorrenza e servizi migliori a tutti i cittadini-consumatori.”

Print This Post Print This Post

             

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio