martedì 26 marzo 2019 Separazione delle attività bancarie e di BancoPosta da attività tradizionale di Poste | infosannionews.it martedì 26 marzo 2019
In evidenza

Weekend ricco di soddisfazioni per “l’Accademia Olimpica Beneventana di Scherma Antonio Furno”

Si tratta di due importanti conpetizioni, la gara di Francesca ...

“Santa Sofia in Santa Sofia”: coinvolgente conversazione su “I rotoli di Exultet”

Una serata all’insegna della conoscenza storica e delle antiche tradizioni ...

Marialetizia Varricchio consigliera PD:”All’Asia il valzer di poltrone continua senza freni”.

Marialetizia Varricchio consigliera PD:All’Asia il valzer di poltrone continua senza freni.

"Non bastasse il clamoroso dietrofront dell’ad Madaro che prima aveva ...

Benevento. Stretta della municipale sulla detenzione e deiezione cani

Da domani al via i controlli in città. Il Corpo di ...

Un pomeriggio al Museo Storia, enogastronomia e musica, al Museo archeologico di Montesarchio.

Presentazione del libro Breve trattato sul lecchino di Antimo Cesaro. Venerdì ...

Separazione delle attività bancarie e di BancoPosta da attività tradizionale di Poste

03/10/2012
By

Pietro Giordano, Adiconsum, così spiega nel comunicato inviatoci  :“La separazione delle attività bancarie e di BancoPosta dall’attività tradizionale di Poste Italiane, utili strumenti per una maggiore trasparenza, concorrenza e tutela dei consumatori, ma anche strumento di contrasto sul nascere delle crisi finanziarie”

“Le posizioni dell’Unione europea sulla separazione fra banche di investimento e banche retail e quella dell’Antitrust italiano sulla separazione dell’attività di BancoPosta a quella tradizionale postale – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum – potrebbero segnare in maniera importante il futuro del sistema bancario e tutelare ancor meglio i consumatori.”

“La separatezza delle attività bancarie – prosegue Giordano – avrebbe quasi certamente bloccato sul nascere la crisi finanziaria del 2008. Lo sviluppo nel settore bancario di Bancoposta non potrà che rendere più concorrenziale e quindi più utile per i consumatori tutto il sistema creditizio e finanziario. Peraltro la concretizzazione della posizione dell’Antitrust consentirebbe al gruppo Poste di completare la propria presenza nel settore del credito dopo l’acquisizione e l’avvio del medio credito centrale.

“Adiconsum – conclude Giordano – su entrambi gli argomenti vuole portare il proprio contributo, in una logica di tutela collettiva dei consumatori e per la costruzione di una normativa nazionale e europea che consenta di non ricadere negli stessi errori del recente passato e offra maggiori opportunità di concorrenza e servizi migliori a tutti i cittadini-consumatori.”

Print This Post Print This Post

             

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio