- infosannionews.it - http://www.infosannionews.it -

Cura del verde e degli alberi. L’assessore all’ambiente Rosa,replica a De Gennaro: “contrapposizione totalmente pretestuosa”

“Ho dovuto rileggere diverse volte la letterina dell’ingegner De Gennaro, presidente onorario del movimento Benevento città verde, per comprenderne il senso. Lo confesso ahimè: non riuscendovi.
Si azzeccano assieme una decina di concetti in ordine sparso per far apparire me e questa amministrazione come una sorta di Leatherface, il protagonista dell’horror “Non aprite quella porta”, che motosega alla mano vorrebbero tagliare ogni forma di vita vegetale di questa città”.

– così l’assessore all’ambiente Alessandro Rosa – 

“Naturalmente è falso, oltre che pretestuoso ed enormemente ridicolo.
Mi si accusa che “nulla sia cambiato sulla cura del verde, degli alberi, dei marciapiedi, del decoro e della sicurezza”: è un suo pensiero, e stante che quel che accadeva prima non mi compete, dalle risultanze che mi arrivano da cittadini sembrerebbe che il lavoro che si sta svolgendo sugli argomenti tacciati di inerzia sia molto apprezzato…ma naturalmente non sta a me il giudizio, a me sta il lavoro e l’impegno. Che non mancano.
Tant’è che nel suo garbuglio De Gennaro infila pure che io andrei in giro “a piantumare qualche alberello”… che dire? Mi spiace la circostanza l’abbia infastidito, ma come sopra: a me stanno il lavoro e l’impegno.
E veniamo al tema fondamentale: la questione dei pini di viale Atlantici.

La cosa che sembra stare più a cuore a De Gennaro è la nomina dell’esperto che dovrà fornire un parere sul caso…
Si pone in dubbio la competenza di Cardiello: unico ad avere certificazione europea Ett, collaboratore di diversi atenei non solo della Campania.

In ogni caso è evidente che da parte mia non esiste alcun preconcetto o volontà preconfezionata sulla vicenda: io faccio l’amministratore, e dunque ho il dovere e la responsabilità di scegliere in base al bene comune, in questo caso attenendomi al parere degli esperti. Quelli che sono abilitati a scrivere perizie e pareri, non letterine di Natale, per intenderci.

L’obiettivo, chiarissimo e più volte dichiarato da parte mia da quando mi sono insediato, è creare il più ampio coinvolgimento possibile sulla vicenda, con tutti gli attori che partecipano alla discussione fino ad arrivare ad una soluzione quanto più possibile condivisa.
Soluzione che inevitabilmente deve essere presa nel rispetto delle buone pratiche in materia.

Dalle mie dichiarazioni, ovviamente utilizzate secondo i propri ingarbugliati e confusi scopi, poi, si dice che già sarei pronto a scegliere altre essenze per ripiantumare. E’ falso, semplicemente.
Ho dichiarato che dove saremo costretti ad abbattere ripiantumeremo nel modo in cui ci indicherà il nostro consulente, scegliendo materiali di primissima qualità e adeguando le aiuole ad ospitarli.

Alla fine posso dire che ho già avuto modo di incontrare associazioni e movimenti ambientalisti, condividendone le istanze e dichiarandomi sempre pronto alla collaborazione: lo sono e lo sarò sempre. Tant’è che altri mi hanno chiesto un incontro, che ho prontamente accettato: mentre vengo a conoscenza dell’esistenza di questo movimento e del suo presidente onorario solo per le letterine inviate ai giornali. Sì al dialogo, sempre…ma è chiarissimo che quando la contrapposizione è totalmente pretestuosa il dialogo per forza di cose è inutile”.