sabato 4 Dicembre 2021 Sisma e Superbonus. Sen. Lonardo : “Necessaria proroga a fine 2023” | infosannionews.it sabato 4 Dicembre 2021
Smooth Slider

Benevento. Denunciati a piede libero 3 napoletani

Nella serata del 3 dicembre. gli uomini della Squadra Mobile ...

Abeti Natalizi, Rosetta De Stasio interroga l’assessore all’ambiente

Abeti Natalizi, Rosetta De Stasio interroga l'assessore all'ambiente

"Ho presentato, nella giornata di ieri, 2 Dicembre, un’interrogazione all’Assessore ...

Quando Esculapio Incontra le Muse. Sabato 4 Dicembre, Complesso Monumentale “San Felice”

Nell'ambito delle manifestazioni culturali che annualmente l'Ordine dei Medici Chirurghi ...

Al “San Pio” un dimesso.I pazienti ricoverati per Covid sono 21

Al San Pio un dimesso.I pazienti ricoverati per Covid sono 21

Attualmente al "San Pio" di Benevento, i pazienti ricoverati sono ...

Stamane sorteggio per la posizione delle Liste sulla scheda elettorale per il rinnovo del Consiglio Provinciale

Stamani l’Ufficio Elettorale della Provincia di Benevento ha sorteggiato  l’attribuzione ...

Consiglio Provinciale convocato per il giorno 13 Dicembre

Consiglio Provinciale convocato per il giorno 13 Dicembre

Il Vice Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi ha ...

Stampa articolo Stampa articolo

Sisma e Superbonus. Sen. Lonardo : “Necessaria proroga a fine 2023”

28/10/2021
By

“Molte imprese hanno avviato le progettazioni del superbonus e del sisma bonus, ma spesso stentano a trovare adeguata manodopera e a reperire le forniture compatibilmente alle restrizioni temporali imposte. I bonus sono un fattore determinante per l’aumento del Pil, ma la scelta di restringere i tempi di attuazione del 110% è sbagliata!”. “La conseguente accelerazione delle attività, impatterebbe negativamente sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Ma soprattutto ne conseguirebbe un improvviso calo della domanda. È evidente che sia necessaria una proroga temporale più ampia per la chiusura dei lavori relativi al 110%, almeno fino a tutto il 2023, ed è fondamentale che siano compresi anche gli immobili unifamiliari, le ville e le villette”. “Le case singole sono prevalenti nei piccoli centri abitati dell’entroterra che verrebbero esclusi dal superbonus, a causa delle restrizioni ai soli condomini. Il sud e le zone montane del centro nord pagherebbero un prezzo troppo alto con conseguente calo demografico e di fatturato, maggiore disoccupazione ed ulteriore povertà. E’ una questione di equità: non esistono cittadini considerati di serie B!”. Così in una nota la Senatrice del Gruppo Misto, Sandra Lonardo.

Tags: